Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 87

Io, vado, di solito, al mare, con un libro, per leggere. Io vado di solito al mare con un libro per leggere. Io vado di solito al mare con un libro, per leggere. Io vado, di solito al mare, con un libro per leggere. Giusto! Avete indovinato: la virgola.
Essa può in una frase così semplice stravolgere il significato, oltre a essere posizionata in modo errato talvolta. Non date per scontata la capacità di “frequentarla” in maniera attenta.

La virgola ha il dono di subentrare per una pausa mirata, la sua presenza esprime un attimo di respiro, talora un momento di riflessione nella fluidità della scrittura. Fornisce ritmo, redarguisce il lettore da una fragile e veloce lettura, impone una cesura nello scorrere delle immagini. Una cesura leggera, non al pari del punto, ma sempre una cesura. E interrompere può divenire una magia spezzata se compiuto senza accorgimenti, senza riflettere con calma sulle motivazioni di una scelta di punteggiatura particolare.

Meditate sul senso della pause, abbiate cura di distinguere la virgola dal punto e virgola, e loro dal punto fermo. Anche qui, non mi stancherò mai di dirvelo, la grammatica sia un faro, la presunzione di verità non aiuta l’evoluzione critica.

Provate a rileggere una parte del romanzo, fate attenzione soltanto alle virgole, ai punti e virgola e ai punti fermi. Non vigilate con una spensierata passività, bensì chiedetevi significati e spiegazioni.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (304 voti)
Tag:

Commenti

La punteggiatura è divertente. Ho notato molti cambiamenti nella mia punteggiatura. E ho meditato sulla faccenda.

Quando ho corretto il mio libro, ho recuperato due sacchetti di virgole. Per darti un'idea di quante fossero, ti dico solo che le sto usando per il mio romanzo e non le ho ancora terminate :)

ciao, ci siamo sentiti tempo fa su facebook. Volevo farti una domanda: in un punto del mio romanzo i personaggi si ritrovano in chat. Ritieni opportuno usare le abbreviazioni della chat (6, nn, cm, xkè, x, anke, ke, etc) in questa situazione, o sarebbe meglio farli parlare normalmente? Personalmente sceglierei la prima per mantenere aderenza, ma graficamente è proprio brutto!

@Morena: le virgole, sì, a me è capitato lo stesso anni fa.

@Giorgio: non c'è un'opportunità universale che io possa dichiarare, io mi sento solo di dirti che farei lo stesso, nel senso che anche se graficamente brutto, è attuale, vero, in chat funziona così.

io continuo a trovare oltremodo interessante il tutto.
grazie.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.