Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Intervista a Paolo Di Paolo

Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.

Come accade a molti, mi sono avvicinato alla scrittura prima di saper scrivere. A scarabocchiare (a fingere di scrivere!) ho cominciato molto presto, riempiendo fogli bianchi e agende. Poi, mi viene in mente che intorno ai sette anni – su una spiaggia, d’estate – immaginavo, sempre con una vecchia agenda tra le mani, forma e contenuto del mio primo libro. Un’inchiesta sull’esistenza della Befana. I primi veri racconti sono venuti fuori nell’estate dopo la maturità liceale – la più libera e spensierata che abbia vissuto finora. È stato un caso? Non so. Dovrei chiedermi se lo è stato l’amore per i libri, per la lettura, senza il quale non avrei mai desiderato scrivere.

Se consideriamo come estremi l’istinto creativo e la razionalità consapevole, lei collocherebbe il suo modo di produrre scrittura a quale distanza dai due?

La parola consapevolezza mi piace molto. Non ho il mito dell’ispirazione. Certo, c’è qualcosa di inspiegabile nel talento, che è appunto anche istinto, spinta irrazionale. Ma credo che nel più dei casi sia necessario educarlo. Nell’ambito della scrittura, attraverso letture su letture, esercizio. Giornate spese anche solo a pensare, a mettere sotto processo i propri limiti. L’allegra inconsapevolezza con cui molti scrivono non mi convince. Pensano di rifarsi, che so, a Rimbaud, ma il genio è cosa davvero rara.

Moravia, cascasse il mondo, era solito scrivere tutte le mattine, come descriverebbe invece il suo stile? Ha un metodo rigido da rispettare o attende nel caos della vita un’ispirazione? Ce ne parli.

Mi piacerebbe avere la disciplina di Moravia e degli scrittori che ogni giorno riescono a sedersi alla scrivania. Sono invece incostante, impaziente. Concentro la scrittura in brevi e estenuanti periodi. Lavoro in spazi sottratti ad altro. Forse anche perché al terzo giorno chiuso in casa davanti al computer – senza il rumore, le voci degli altri – vado in crisi.

Di che cosa non può fare a meno mentre si accinge alla scrittura? Ha qualche curiosità o aneddoto da raccontarci a riguardo?

Non posso fare a meno del computer. Appartengo alla generazione che fatica a scrivere a mano. Prendo molti appunti, a mano. Ma il computer è quasi una protesi del mio cervello, non riuscirei a scrivere niente di compiuto senza un foglio di Word davanti. E poi, molto silenzio intorno. Preferisco scrivere di pomeriggio, dopo il caffè. La mattina sono troppo inquieto.

Wilde si inchinò di fronte alla tomba di Keats a Roma, Marinetti desiderava “sputare” sull’altare dell’arte, qual è il suo rapporto con i grandi scrittori del passato? È cambiata nel tempo tale relazione?

E’ un rapporto necessario, indispensabile. Sottrarsi a un confronto con la tradizione letteraria non porta da nessuna parte. Ecco, sempre di consapevolezza si tratta. Scrivo perché altri prima di me hanno scritto. E scrivo perché altri intorno a me scrivono. Mi è sempre piaciuto indagare nelle vite degli scrittori, intuire ciò che li ha portati a diventare ciò che sono o sono stati. Mi è sempre piaciuto mettermi a dialogo con loro (ecco la ragione dei diversi libri-intervista con scrittori che ho pubblicato). Penso a un libro come Voci di Frederic Prokosch, bellissimo. In quelle pagine lo scrittore americano va a stanare i suoi miti letterari: Virginia Woolf, T.S. Eliot… Ogni incontro è un “contatto magico” – così lui lo definisce: uno strano cortocircuito tra la propria passione e quella del maestro che ha davanti. Ho l’impressione che oggi si fatichi un po’ a maneggiare – parlo per l’ambiente letterario, ma forse è un discorso più ampio – parole come magistero, ammirazione. E invece, come tra pittori o falegnami, senza essere passati da una bottega, senza averla inventata nella propria testa, è difficile andare lontano.

L’avvento delle nuove tecnologie ha mutato i vecchi schemi di confronto fra centro e periferia, nonostante ciò esistono ancora luoghi italiani dove la letteratura e gli scrittori si concentrano? Un tempo c’erano Firenze o Venezia, Roma o Torino, qual è la sua idea in merito?

Sicuramente, se ragioniamo sui numeri, molti scrittori italiani affermati vivono nelle grandi città (Roma e Milano in particolare). E molti giovani aspiranti si spostano dalle loro città d’origine verso luoghi che offrano maggiori opportunità. È sempre stato così. Anche il giovane provinciale Lucien delle Illusioni perdute di Balzac correva verso Parigi in cerca di affermazione! Però – e suona spaventosamente banale dirlo – Internet ha sicuramente accorciato molte distanze. In ambito letterario, blog e riviste online consentono a chiunque, dovunque, di farsi notare.

Scrivere le ha migliorato o peggiorato il percorso di vita? In altre parole, crede che la letteratura le abbia fornito strumenti migliori per portare in atto i suoi desideri?

Spesso mi sono chiesto come sarei, come sarebbe la mia vita senza la scrittura. A volte, mi sono risposto che sarebbe senz’altro migliore. Ma che senso ha questa risposta? Sarebbe un’altra vita, non la mia. Se avessi potuto fare a meno di scrivere, l’avrei fatto – credo. Quanto ai desideri non so, ho fiducia che quelli possano realizzarsi fuori dalle pagine scritte.

La ringrazio e buona scrittura.


Info su Paolo Di Paolo qui:
Wikipedia
Facebook
Giulio Perrone

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.