Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Frammento Nove: immagini, italiani e arte

Rudolf Steiner asseriva che “è un’opinione del tutto fallace, legata a casualità, il dichiarare che l’immagine che si presenta in un determinato momento è la cosa”.
Oggi, grazie o a causa dei mezzi di comunicazione strutturati e differenziati e numerosi, è lecito sostenere che l’utilizzo diffuso delle immagini ha moltiplicato le percezioni, i confronti fra percezioni.
Che cosa è la cosa di cui si ha un’immagine?

Se prima della contemporaneità già era una tematica filosofica complessa, si può affermare con sicurezza che noi, noi cittadini del 2009 con a disposizione giornali-televisione-radio-internet, siamo di fronte a un aumento continuo delle immagini, su qualsiasi cosa. Accanto a coloro che reputano il processo in corso indispensabile per la disponibilità di più critiche e scambi intellettuali e informativi, vi sono altri che da anni avvertono l’opinione pubblica dei possibili rischi, fra i molti, la relatività dell’autorevolezza di una tesi. Se, semplificando con coscienza, tutti possono dire tutto, nessuno si può ergere ad arbitro di alcunché, sembrerebbe. Basti pensare, rispetto a un singolo evento, le migliaia di opinioni che imperversano su internet grazie ai siti, ai blog o ai forum. Qual è il confine fra un’opinione seria, analitica, precisa e un’opinione grossolana, superficiale e inutile per la comprensione? Il nostro paese è già colpito da un certo analfabetismo di ritorno, quanti possono essere coloro in grado di distinguere tale confine senza pregiudizio o senza incorrere in sbagli palesi?. Questa la prima questione che presento poiché io stesso percepisco di avere enormi dubbi su dove sia talvolta il confine.

La seconda. Gli ultimi decenni hanno visto l’Italia appropriarsi di fette di benessere prima impensabili, se è vero che le difficoltà attuali dei precari sono drammatiche, è altrettanto vero che alcuni diritti sindacali, alcune libertà del singolo individuo, alcune tutele per ciò che concerne la salute erano un sogno inimmaginabile in un tempo non remoto. I passi dello sviluppo sociale italiano sono lenti se li si confronta con altri paesi europei, tuttavia del tutto manifesti appena si visita un paese povero del terzo mondo o perfino dell’est Europa.

La prima questione influenza la seconda. Per motivi che a me appaiono sempre misteriosi, l’italiano medio parla spesso malissimo del proprio paese, eccetto per la cucina, l’arte, il mare e poche altre cose. Non riusciamo mediamente a essere obiettivi contestualizzando con una visione d’insieme. Vorremmo, dati i nostri grandiosi avi romani o geniali artisti rinascimentali, soltanto per fare due esempi lampanti, essere sempre i primi in tutto, in tutti i settori.
Non c’è pace se il cinema si è spostato in California, giacché quello italiano del Novecento è e rimane il migliore. Non c’è pace se la genialità tecnologica s’è spostata in India o in Giappone, giacché Fermi e Marconi e altri sono italiani. Non c’è pace se taluni diritti sindacali trovano la migliore efficienza in Danimarca o in Svezia, giacché il diritto romano è nato qui, accidenti.

Soffriamo come popolo di un narcisismo nostalgico, di una grandezza che dovrebbe essere evidente a tutti, nel nostro immaginario, eppure, a ben guardare, nonostante l’Italia sia un luogo invidiabile dove vivere per molti poveri del mondo, le graduatorie di ogni genere sulla qualità della democrazia e della vita vedono il nostro paese sempre più lontano dai primi posti.
Non è che siamo narcisi e nostalgici soltanto, nuove forme d’imbarbarimento della società sono oramai presenti in quantità preoccupanti. E le immagini – prima questione – confondono, alterano, distraggono. Il confine sopraccitato è sempre più diafano. Più opinioni, più immagini, più confusione forse. Non si è quasi più sicuri di nulla. Una precarietà esistenziale.
All’interno di questo quadro, che cosa può l’arte? Quali ruoli dovrebbe avere? Ne riparlerò, fra dubbi, tentativi di analisi e passi a tentoni sempre più instabili.

Nessun voto finora

Commenti

Innanzitutto un grazie per queste riflessioni che condivido molto. Senza pretesa di dare risposte offro solo quel che il tuo scritto mi ha fatto mettere a fuoco. Credo(auspico)che l'arte possa fare tanto. L'arte parla di quel qualcosa che dell'anima non muore (qualcuno ha scritto questa cosa tempo fa e mi ha sempre fatto pensare molto...) L'arte parla di pace (pensa a Rostropovich e al suo violoncello suonato davanti alle macerie del muro di Berlino), narra dell'umanità attraverso uno scritto, un'immagine, una musica, una danza e altro. Sono convinta che è capace di far dialogare gli uomini se ognuno fa quel piccolo sforzo di comprendere cosa l'altro ti può o ti vuole dire, se si fa quel piccolo sforzo di aprirsi al nuovo...
MCC

@MCC: grazie a te, mi fa piacere che condividi. Riprenderò in settimana questo post e scoprirai quanto sia simile la mia idea rispetto a ciò che hai scritto sull'arte.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.