Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 78

I verbi sono una faccenda molto seria, il loro utilizzo condiziona l’immaginario del lettore, nel tempo e nello spazio.
Per fortuna la lingua italiana è ricca di colori e sfumature, individuarne le potenzialità dovrebbe diventare parte del vostro lavoro di scrittura.

Subito un consiglio, vi potrà servire anche per lavori successivi in futuro. Prendete un quaderno, create un ordine alfabetico e iniziate a inserire verbi (un impegno che potrebbe durare mesi o anni); accanto a ognuno ponete sinonimi e appuntate le sfumature: frasi tipiche, particolarità, significati che non conoscete, ecc. Ecco, in sintesi, esso diventerà un dizionario sui generis, con i vostri gusti, con il vostro lavoro, all’interno del quale troverete verbi con i loro rispettivi sinonimi e curiosità.

Certo, in cento giorni non è possibile ottenere un quaderno così ricco di contenuti e non ho voluto consigliarvi prima questo metodo per non farvi prendere una tangente, a voi sta a cuore il romanzo, non altro. Oltre al fatto che un quaderno siffatto necessita di tempo per essere efficace e proficuo.

Tornate sulle cartelle che finora avete plasmato, concentratevi sui verbi, potete cambiarne qualcuno? Siete stati troppo banali in talune scene? O, al contrario, avete inserito un verbo che potrebbe apparire troppo complesso, o magari ermetico nel momento sbagliato?.
Cercate la precisione, non la grossolanità. Un verbo deve consegnare al lettore un’azione, dipende da voi come la intendete rivelare.
Dare, offrire, consegnare, porgere, regalare, affidare, concedere, donare… sono sinonimi, ma ognuno crea immagini del tutto differenti.
Se Antonio pensa a una rosa per Elisa, gliela fareste porgere, regalare, dare, donare o consegnare?.
Sono sicuro che avete intuito il senso della parola “sfumatura”. Non dimenticate le lezioni 29, 37 e 38.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (271 voti)

Commenti

Antonio dona una rosa ad Elisa. Gliela porge con un gesto lento, quasi timoroso. Per lui è un gesto prezioso, pieno di significato. Non avrebbe mai pensato di fargliela consegnare dal fiorista. Anche se ancora non lo sa, regalare rose è un segno d'amore.

acc... ho ripetuto 'gesto'...

lo dico sempre: sette revisioni e non bastano. qui non ne ho fatta neanche una.

Elisa rimane impietrita. Sulla soglia di casa, di fronte a lei c’è Antonio, con in mano una semplice rosa bianca. Con il cuore in gola, incapace di abbracciarlo, aspetta uno straccio di spiegazione da parte del fratello creduto morto. Ma Antonio non può più parlare. C’è solo un gesto che può aiutarlo a farsi comprendere dall’amata sorella. Lentamente le porge il fiore, mentre fissa i suoi occhi smarriti. “Perdonami Elisa” sembra dire il suo sguardo “Perdonatemi tutti”.

Claudia

@Morena: esempio concreto, valido.
Sette revisioni? Settanta volte sette!

@Claudia: un rosa pregna di drammaticità, mi piace.

Ops... una rosa, non un rosa. ehehe

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.