Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 77

Le vostre descrizioni ripetono uno schema preciso? Chiedetevi con cura se abusate di aggettivi o di avverbi. Inoltre, riflettete sulla punteggiatura quando descrivete: tendete a ripetervi?.
Il confine fra interessante particolare e noioso dettaglio è diafano, attenti. Il primo spiega con delicatezza e precisione; il secondo è inutile e fa addormentare il lettore. Non dimenticate né la lezione 42 né la lezione 53. E in particolare imparate a memoria la 64.

Descrivere dovrebbe essere un po’ come misurare, sapendo in altre parole da dove partite e fino a dove giungete. Per quale ragione? Perché avendo i confini chiari in testa, dovreste essere più fluidi nel colmare con consapevolezza il territorio fra gli estremi.

So che anche in questo caso ci sarà chi sostiene che la libertà espressiva non va mai contenuta, non va mai dosata e pensieri simili, come se un romanzo fosse un guizzo creativo continuo. Benissimo. Io sono felice che pensiate così, ma ho un’altra idea, una prospettiva differente. Forse entrambe corrette, io ne propongo una, quella che s’è rivelata efficace per me.
Nelle descrizioni andrebbero evitate le continue serie di oggetti: orribile fare elenchi pensando che ciò faccia immaginare l’ambiente a chi legge. Una fila di cose una dietro l’altra è come un piatto senza sale, quando invece era necessario. Gli ingredienti hanno tempi, importanza e sostanza se inseriti con armonia creativa; quindi, via libera ad aggettivi calibrati, a cambi di scena, a nomi esatti, a precisione stilistica a seconda dei personaggi presenti, ma tutto amalgamato pensando che chi legge non si debba annoiare.


Ho voluto inserire questa lezione oggi e non ieri per ricordare una persona. Ero molto giovane quando lui morì, ma da un paio d’anni lo avevo scoperto per caso e stava segnando irrimediabilmente la mia formazione culturale. A volte accadono le cose più strane, anche se tendiamo a definirle qualche volta coincidenze sospette. Incontri un libro, senti nominare per la prima volta quel nome e poi, con il trascorrere del tempo, diviene una droga dalla quale non riesci a staccarti. Lessi così con avidità “Le mosche del capitale”, il suo ultimo romanzo, non capendolo allora del tutto. Mi informai sulla sua biografia e cominciai dall’inizio della sua produzione, Il Ramarro, scoprendo le sue poesie. Ho ricordi meravigliosi di quel periodo. Io nel letto, prima di dormire, a leggerlo, tentando di non disturbare troppo con la luce mia sorella, più piccola, che già era nel mondo dei sogni. Mi emozionavo, non mi staccavo dalle pagine, capitava non di rado che la mattina mi alzavo con il libro ancora addosso. Poi andavo a scuola e ricordo che ascoltavo le lezioni a tratti, avevo altro in testa con cui fantasticare. Feci circa due anni in quel modo. Il 1994 fu un anno particolare, doloroso per me, molto. Quando quel giorno, proprio quindici anni fa, sentii al telegiornale che era morto corsi in camera con una disperazione addosso che non comprendevo. Scrissi allora la mia prima poesia che ancora conservo. Scusate il personalismo, ma ci tenevo. Ciao Paolo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (518 voti)

Commenti

Le ripetizioni e gli elenchi di aggettivi sono il mio punto debole. Il famoso taglia-e-cuci qui è d'obbligo!
Non ho letto nulla di Paolo Volponi, ammetto la mia ignoranza, ma tutti hanno qualcuno nel cuore da ricordare... ci farai leggere quella tua poesia? ..o forse no, forse è giusto sia solo tua.

@Daniela: sulle ripetizioni e gli elenchi sì, è proprio così come scrivi: il famoso tagli e cuci.
Sulla poesia hai intuito, la conservo solo per me come un ricordo prezioso.

Queste lezioni sono fondamentali: fanno la differenza tra un testo interessante e uno meno.

Paolo Volponi sarà la mia prossima scoperta. Leggendo ciò che hai scritto di lui e di ciò che rappresenta per te, mi viene voglia di [tentare di] scrivere molto bene.

Ciao a tutti. Arrivo tardissimo, ormai siamo in mare aperto e il mozzo sta per salire in torretta per gridare "terra!"

Ho scoperto solo ieri questa fantastica iniziativa e ne sono rimasto così affascinato da voler tentare la missione impossibile.

Non credo di riuscire a raggiungervi, ma ho deciso di affrontare tutto il percorso. Oggi mio primo giorno sono arrivato alla lezione 7 lavorando per molte ore.

Lascerò le tracce del mio procedere nell'area commenti di tutte le lezioni.

Sono molto fiducioso e determinato. Ho ancora 15 giorni in cui potrò dedicarmi quasi a tempo pieno a questo progetto.

Ringrazio Morgan (o Signor Nessuno) che mi ha accolto con grande gentilezza nonostante il mio forte ritardo.

Buon lavoro a tutti voi.

Anche io ho trovato queste lezioni da poco e devo ammettere che è proprio vero il detto "Quando l'allievo è pronto, il maestro arriva". Da qualche settimana ho aperto il mio cassetto e mi sono ritrovata ad osservare il mio sogno roncheggiare sfacciatamente. Queste lezioni sono state la sua bella e potente sveglia mattutina... ed ora è lucido e sveglio come un grillo! :-)
Grazie mille per gli spunti importanti... già dalla prima lezione mi hanno aiutato a riordinare le idee per tuffarmi nella fantastica avventura del mio primo romanzo (fantasy). Anche io sono piuttosto indietro, ma non ho intenzione di recuperare velocemente... Preferisco assimilare pian pianino le nozioni che potrebbero diventare fondamentali per la stesura di un romanzo decente (almeno spero... quando avrò finito qualche agenzia letteria mi darà la sua opinione :-)).Magari il mio sogno non diventerà mai realtà, ma le sue lezioni mi hanno dato una bella spinta verso l'unica cosa che posso realmente fare: PROVARCI :-)

Claudia

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.