Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 75

Tre quarti delle lezioni: quadro generale. Se l’obiettivo della lezione 9 è stato rispettato dovreste avere circa 100 cartelle, immagino che vi sia fra voi qualcuno ben oltre tale soglia, e chi ancora indietro.
Non perdete la concentrazione se rientrate nel primo caso, trovatene invece di più se vi siete un po’ smarriti. L’importante è seguitare a desiderare il risultato finale facendo piccoli passi in avanti, anche se a volte discontinui.
La discontinuità non è di per sé un male se esiste nella somma dei movimenti un avanzamento.

Avete a questo punto bisogno di sdoppiarvi per osservare con ancora più severità la vostra scrittura. Il consiglio è di registrarvi mentre leggete il romanzo, fate diversi esperimenti in tale senso, vi aiuterà a essere critici. Non leggete con superficialità, immaginatevi di fronte a un gruppo di persone, impegnatevi a pronunciare con calma le parole. Una volta registrati, ascoltatevi assaporando la musicalità, percependo i particolari, studiando le armonie e il rapporto fra le parti.
Non potete essere troppo indulgenti con voi stessi: l’eccessiva tolleranza non fa parte di una visione critica.

Scrivere deve diventare per voi in questo periodo una specie di sana ossessione e dovreste limitare al minimo le distrazioni. Dormite un po’ meno, spegnete la televisione, delegate scusandovi, rimandate un impegno non importante, saltate una cena, limitate le uscite. Nessuno pensa che voi siate dei monaci di clausura al primo stadio, ma certo è che il tempo non vi sarà ritornato, voi siete gli unici e veri responsabili delle vostre azioni.
Scrivete in autobus su un foglietto, appuntate un pensiero sul cellulare, segnatevi una parola che vi piace, se siete in fila alle Poste o nella sala d’attesa d’un ufficio non perdete tempo prezioso, pensate alle scene del romanzo. Cercate di scrutare ciò che vi circonda con occhi curiosi, segnandovi particolarità interessanti. Osservate le persone, i loro sguardi, i loro gesti, ascoltate come si esprimono, appuntate tutto, anche senza un ordine preciso.
Il mondo è a vostra disposizione e le idee sono già nell’aria, dovete soltanto sintonizzarvi sulla giusta frequenza.

Altro consiglio che io ho sempre trovato nella sua banalità quasi geniale. Immagino che scriviate in una stanza, magari seduti a un tavolo. Bene. Sistemate oggi quel tavolo, fate pulizie, dovreste avere la sensazione di iniziare qualcosa di nuovo, di importante. E mettetevi poi a scrivere, fossero soltanto poche righe oggi, ma fatelo. Formulerete così un nesso fra azione di pulizia e scrittura, un rapporto che sa di magia.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)
Tag:

Commenti

Come si dice, son finito per caso sul tuo blog. A parte i complimenti per le tue lezioni e la passione che ci metti, volevo segnalarti questo sito che potrebbe interessarti (poi magari lo conosci già e allora come non detto):

www.nanowrimo.org

Federico: Oogway, la saggia tartaruga in Kung Fu Panda, sentenzia che il caso non esiste... Il sito che citi non lo conoscevo, più tardi lo guardo con più calma, grazie. Tutto in un mese dicono, e io che cavoluccio di Bruxxxxelles ci sto a fare qui? :)
A presto.

ecco, se io dovessi davvero svuotare e pulire la mia scrivania, oggi non farei altro :)

sembra impossibile, ma quando la svuoto e la pulisco, dopo tre giorni ho di nuovo mucchi di libri di fianco alle mia braccia, fogli di appunti, agenda con traccia e griglia, l'immancabila acqua e altre amenità. ora ho anche un ramo della zamia (cresciuto troppo, la faceva rovesciare a terra e ho usato questo espediente in attesa del rinvaso) che si protende verso il mio braccio destro e sembra voglia arrivare fino a me, quasi fosse una creatura misteriosa... :)

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.