In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di editing

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di scrittura creativa

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 71

Nella lezione 61 vi indicavo un esercizio da eseguire con le fotografie e vi parlavo del rapporto fra mente e comportamento. Oggi tenterò di spiegarvi come prediligere le sensazioni favorevoli per la scrittura a quelle negative, e per quale ragione.
Vi sto parlando di un momento preciso: non quando siete davanti al computer, prima. Mentre state lavorando o siete ancora a letto, finché badate ai figli o portate l’immondizia, e in tali momenti pensate: ‘Dopo mi metto a scrivere’.

Ecco, iniziano percorsi diversi.
C’è chi coltiva belle sensazioni di curiosità riflettendo sulla scena da sviluppare oppure vagliando il cd musicale da ascoltare; emozioni propositive che portino alla migliore condizione per scrivere. C’è chi invece cade in un vortice di pensieri ed emozioni che allontanano dalla scrittura, pensando: ‘È tutto inutile, non ci riesco’ o ‘Sono stanchissimo, è meglio che riposi’ e simili. Se poi scriverete dipenderà dai due distinti approcci. Il primo vi porterà, malgrado eventuali problemi e preoccupazioni, di fronte alle vostre cartelle, pronti per scrivere; il secondo vi condizionerà l’umore, i pensieri e soprattutto le azioni, distogliendovi dal romanzo.

Sì, avete indovinato. Non sono gli eventi a condizionare la vostra mente, siete voi che permettete agli eventi di farvi condizionare. Rifletteteci con calma e scoprirete che è esattamente così.
L’unica arma che avete a disposizione per affrontare le vostre avversità è la mente appunto, la quale, per sentirsi propositiva, necessita di pensieri che dirigano le emozioni e di conseguenza le azioni. E inutile sostenere che l’abitudine a comportarsi in un certo modo facilita o complica ancor più la situazione. Se vi abituate giorno dopo giorno a essere vigili sui vostri pensieri avrete la chiave per fare qualsiasi cosa con efficacia. Dipende da voi, dalle vostre menti.
Non c’è povertà, non ci sono problemi di salute, non c’è la tristezza, non ci sono tragedie che possano scalfire quell’angolo che voi avete in cura da quando siete nati, se voi non permettete loro di scalfirlo.

Se non lo conoscete, informatevi su chi è Alex Zanardi, nel 2001, a causa di un incidente di formula Indy, era più di là che di qua, sette arresti cardiaci e una quantità tale di sangue perduta da dichiararlo morto. Poi successe qualcosa di inaspettato, riprese a respirare e la notizia peggiore doveva ancora giungere: l’amputazione delle gambe, lui, abituato ad allenarsi con impegno tutti i giorni per essere pronto nelle gare. Come avreste reagito voi di fronte a un incidente simile?.
Alex oggi, grazie a una continua modulazione dell’approccio mentale, è tornato a correre nella formula Gran Turismo e partecipa alle maratone con la handbike, quelle biciclette particolari costruite appositamente per i disabili.
Consapevoli che la scrittura sia un’altra faccenda, il principio base che stimola la vostra intraprendenza è però il medesimo. Il segreto poi è riportare alla mente i vostri piccoli successi quotidiani.

Se siete curiosi di capire con più profondità questi processi mentali, potreste fare riferimento a libri mirati. La lista sarebbe davvero lunga, molti hanno letteralmente cambiato il mio mondo interiore. Ma vi consiglio un unico testo per iniziare, semplice da comprendere e illuminante per taluni aspetti: “Psicocibernetica” di Maxwell Maltz. Un testo degli anni Sessanta, ma lì fu l’inizio di molto altro su questi campi di ricerca. Un passo alla volta. Buona lettura e… scrittura.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (514 voti)

Commenti

su queste lezioni mi sento abbastanza preparata.
vedi, ognuno ha i suoi scogli personali.
su questi navigo tranquilla :)

ma ne ho altri invece...

ah, buona giornata di domani.
e il giorno dopo è il 16 agosto, il secondo giorno migliore dell'anno. ciò mi rende molto felice.

come hai ragione, Morena!
Ognuno ha i propri scogli personali e capita di doversi reinventare la vita sia per problemi fisici che personali.
Buon ferragosto a chi leggerà questo commento
Mariella

BUON FERRAGOSTO A TUTTI I LETTORI E FRUITORI DI SUL ROMANZO

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.