14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 68

Un personaggio chiuso nella sua camera e disteso nel letto, occhi spalancati verso il soffitto, luce fioca e pensieri in rapida successione, pugni strettissimi, una lacrima.
La solitudine si può esprimere con delicatezza e con rabbia, con freddezza distaccata e malinconia.
Dipende dal contesto. Dipende da quale emozione si vuole donare al lettore.

“Io ho dimenticato molte cose della guerra, ma non dimenticherò mai quel momento. Guardavo il mio amico sorridere, fra una boccata di fumo e l’altra. Dalla trincea nemica, partì un colpo isolato. Egli piegò la testa, la sigaretta fra le labbra e, da una macchia rossa, formatasi sulla fronte, sgorgò un filo di sangue. Lentamente, egli piegò su se stesso, e cadde sui miei piedi. Io lo raccolsi morto”.
[“Un anno sull’Altopiano” di Emilio Lussu]

Vi sono solitudini cercate e altre sgradevoli, altre ancora ineludibili. Quando si narra la solitudine il ritmo rallenta (fate riferimento alla lezione 14), si possono utilizzare i monologhi interiori o i flussi di coscienza (lezioni 16 e 17), e la scelta dello stile è di fondamentale importanza (lezioni dalla 18 alla 22 inclusa).

Se desiderate colorare l’isolamento mentale e/o fisico di un personaggio dovreste in qualche modo pensare a come esaltare la medesima tematica nel lettore. Mi spiego. Grazie alle parole influenzate l’umore di chi legge, lo strappate da una situazione per portarlo in quella che create attraverso i mondo fittizi; ecco, i mondi fittizi appunto non sono staccati, lontani, altro da sé, ma dovrebbero entrare con forza nell’animo, essere funzionali al mutamento delle emozioni altrui.

Pensate a come vi sentite quando provate solitudine, è sempre uguale a se medesima? Cambiano le intensità? Quali sensazioni vi suscita?. Questo dovete travasare nella mente del lettore. Mentre scrivete, meditate non soltanto sulla comunicazione del concetto di solitudine, altresì sullo sviluppo emozionale della scena. Certo che ci avete già pensato, certo che vi è capitato di trattare le emozioni anche per altri contesti, ma in questo caso non potete sbagliare. È il momento in cui chi legge ha bisogno di sentirsi solo per capire la solitudine del personaggio. Una parola fuori posto è in grado di rovinare un’intera situazione narrativa.

E qui cadono talvolta perfino gli scrittori esperti, tanto è complesso trasmettere la solitudine. Un consiglio che riguarda la scelta dei verbi. Evitate quanto più possibile le parole corte a vantaggio di quelle lunghe. Servirsi di “fare”, “dire”, “creare” accelera il ritmo, mentre “ubbidire”, “consegnare”, “usufruire”, “pispigliare” lo rallenta. Voi dovreste dare l’idea di sospendere e dilatare il senso del tempo, di bloccarlo. Servitevi di qualsiasi strumento per ottenere tale obiettivo, anche quello che sembra in apparenza banale, ma che poi magari risulti efficace.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (356 voti)
Tag:

Commenti

questa lezione, invece, l'ho capita al volo (meno male) :)

interessante questo consiglio sui verbi da usare. controllo subito.

Anche a me come a Morena è piaciuta la precisazione sulla lunghezza dei verbi da usare
Mariella

@Morena: sono in ginocchio ringraziando il cielo e le Muse :)

@Mariella: bene.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.