In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 65

In questi prossimi giorni dovreste prendervi l’onere di rileggere quanto avete prodotto e concentrarvi su alcuni elementi ortografici.
Si scrive È non E’, un accento non un apostrofo, eppure è ancora duro a morire. Perché, finché, ahimè, purché, giacché, un po’, lo faceva da sé, è, cioè, egli dà il pane a Matteo prendendolo da quella scatola, caffè, ne prese due, ma non per lui né per Andrea.
Gli accenti e gli apostrofi sono le sfumature dei colori, più sono corretti e più le parole sembrano lucenti, splendenti, vivaci.

Sembreranno sciocchezze per taluni, ma talvolta è la distrazione che rovina un testo. Tutti hanno avuto l’esperienza, quando si era a scuola, di sentire la maestra affermare: «Quando avete finito di copiare in bella, rileggete». È la medesima condizione, la rilettura vi permetterà di scoprire i piccoli errori, quelli che sembrano talmente banali che giurereste di non farli mai.

Consultate la grammatica sulla struttura degli accenti e degli apostrofi, e non dimenticate l’elisione e il troncamento, non sono rari gli errori di siffatta specie.
Repetita iuvant sentenziavano i latini, le cose ripetute aiutano. E sulla grammatica della lingua italiana non si dovrebbe mai cadere nell’errore di considerarsi dotti, tali sono la sua complessità e vastità che dominarla non è affatto semplice.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (515 voti)
Tag:

Commenti

domanda: se "egli dà il pane a Matteo", anch'"io dò il pane a Matteo"?
O lo faremmo diventare troppo grasso? :)

ho sempre il dubbio su do e dò. Molti non mettono l'accento sul verbo, ma è giusto o no?

grazie prof :)

ps. ti informo che sono molto soddisfatta. ho chiuso ora il mio "terzo capitolo". sono 100 cartelle o poco più, ma non di 1800 caratteri (per motivi di praticità per chi deve leggere.
e ho levigato assai. molto soddisfatta del lavoro svolto. non dico che sia un buon lavoro, ma per me lo è di sicuro come mole e come impegno. di questo parlo quando dico 'soddisfatta', non della bontà del testo, naturalmente, che quello non spetta a me.

@Morena: sulla scrittura io faccio riferimento alla Bibbia degli scrittori:
http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=4016&ctg;_id=93

parlano anche di dò e do.

Sono lieto che sei soddisfatta, significa che ti stai impegnando con concentrazione.
Mi auguro di leggere un giorno il tuo romanzo e di venire a una serata in cui lo presenterai. Voglio la dedica quando lo comprerò, mi raccomando. ;)

Ti sembrerà strano, ma da due giorni ho recuperato una grammatica ela leggo come fosse un triller: la trovo piena di cose dimenticate o mai sapute.
Anche io come Morena consulto il sito dell'Accademia della Crusca.
Mariella

@Mariella: non mi sembra affatto strano dato che accade ogni volta anche a me. Più che un thriller, a me pare tavolta un fantasy, non riesco a credere che la lingua italiana contempli ciò che leggo.
Non so Morena, ma io sono un amante dell'Acc. della Crusca.

Grazie. Sì, mi rivolgo spesso all'Accademia. La questione di do o dò mi è venuta in mente mentre leggevo il tuo post.

Mi hai scritto una cosa molto bella. Non poniamo limiti :)

Sono arrivata fin qui da qualche settimana, apprezzo la lucidità, il buon senso e, soprattutto, l'entrare nel dettaglio dei consigli dispensati. Tante volte mi sono spazientita nel leggere alcuni degli 'scivoloni' segnalati in questa lezione. Ora ho anche un riferimento esperto. Grazie,
Anna Maria

@Morena: sì, non poniamo limiti ;)

@AnnaMaria: benvenuta e grazie per le tue parole. Spero che tu possa trovare ancora altre lezioni di tuo gradimento.

Come si fa a scrivere la E maiuscola accentata dalla tastiera?

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.