Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 63

Vi ho parlato del personaggio principale nella lezione 3, è presumibile considerare che nel vostro romanzo sia già comparso più volte, in quali modi? Rileggete anche le lezioni 7, 13, 42 e 52. Oggi dovreste concentrarvi sulla sua evoluzione, pensate a come lo avete presentato e alle volte in cui è entrato in scena, inoltre, riguardate la griglia e individuate i momenti nei quali ancora lo renderete attivo nella narrazione.

Un personaggio principale uguale a se stesso dall’inizio alla fine deve essere frutto di una scelta precisa, altrimenti, nella maggior parte dei casi, evolverà, magari nel linguaggio o nel modo di pensare, nei comportamenti o nella relazione con se medesimo.
Concentratevi sull’evoluzione, sullo sviluppo del suo io. Appuntate nuove idee o prospettive. Perché lo avete scelto con la funzione di personaggio principale? Che cosa vi ricorda o vi fa pensare? Desiderate che comunichi una visione speciale?.

Nella lezione 21 vi ho fatto riflettere brevemente sull’uso dei cinque sensi, lo vedete il vostro personaggio principale? Lo udite? Lo toccate? Ha profumi od odori peculiari? Vi trasmette, ripensando a lui (lei), il sapore di qualcosa?.
Dovete percepirne la sostanza, la ricchezza caratteriale, la vivida presenza. Saltano agli occhi del lettore le sue caratteristiche o le parole, le abitudini o i pensieri.

“L’uomo non è la somma di ciò che ha,
ma l’insieme di ciò che ancora non ha, di ciò che potrebbe avere”
[Jean Paul Sartre]

Voi state plasmando il vostro personaggio, anche la scrittura è dotata di un suo intreccio, potete tornare a ritroso modellando, limando, tagliando, aggiungendo. Impossibile dotarsi di un verso e mantenerlo fino alla fine della stesura del romanzo, vi capiterà di tornare alla cartella dieci o ventisei, più volte, per un aggettivo, per una parola, per una frase, per una descrizione, creando simmetrie e associazioni, rimandi e nuovi punti di vista.

Vi sarà una prima fase in cui il verbo che sentirete più vicino a voi nella scrittura sarà “aggiungere”, poi, con il tempo, evolvendo in modi inaspettati e caotici, introdurrete i verbi “tagliare”, “cambiare”, “levigare”.
Il personaggio principale subirà la medesima sorte, vi accorgerete che con il trascorrere delle settimane lo avrete tormentato in tutte le sue parti, senza vergogna, talvolta con dispiacere, ma seguendo una vostra necessità artistica ineludibile.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (368 voti)
Tag:

Commenti

sottoscrivo ogni parola.

ho comprato una levigatrice ultimo modello, che affila e rifila, taglia, cambia e lima :)

Ed anche questo è difficile. E' un po' come riscrivere tutto da capo... è la fase che più prende tempo e la più dolorosa, probabilmente, perché si taglia qualcosa che si è creato.

@Morena: io ho una serie di levigatrici, numerate per intensità e "stronzaggine" :)
@Daniela: hai ragione, sì.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.