Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 59

Il vostro romanzo, indipendentemente dall’obiettivo che inseguite, sarà letto da qualcuno, in verità, senza che forse ne siate consapevoli, voi sperate che esso sia letto da una persona della quale avete stima o alla quale siete legati.
Desiderate comunicare qualcosa a qualcuno. Le lezioni incalzano e voi avete bisogno di stimoli nuovi, di passi ne avete fatti tanti fino a qui, ora necessitate di novità affinché vi sia una accelerazione del vostro ritmo nella stesura del romanzo.
Pensate a una persona di cui vi fidate ciecamente, con la quale avete condiviso momenti belli e vicissitudini, qualcuno che vi conosca bene.

Stampate le prime dieci o quindici cartelle e portategliele, dite che vi state impegnando per scrivere un romanzo, ma che avete appena iniziato. Se siete riusciti a produrre già molte cartelle, non rivelatelo, ricordate la lezione sull’autocompiacimento?. Dite che avete soltanto plasmato quelle dieci o quindici cartelle e chiedete di leggerle con calma e di giudicarle con severità. Ciò che a voi interessa sono gli elementi negativi, dovreste proprio dichiararvi in questo modo: «Non voglio che tu mi dica che è carino o che ti piace, non sono alla ricerca di incoraggiamenti, vorrei invece che tu mi dicessi le cose che non ti piacciono, che dovrei cambiare, insomma armati di penna rossa, va bene? Grazie».

Il confronto è talvolta difficile ma è l’unica via per ridimensionarsi, per abbandonare inutili certezze e per smetterla di sopravvalutarvi con orgoglio.
Quando la persona avrà letto quanto avete consegnato, sarete pronti per chiedervi con serietà, sulla base di ciò che vi sarà detto, che cosa dovete cambiare della primissima parte del romanzo, forse conquisterete consapevolezze nuove, forse deciderete di continuare con un’idea diversa, forse vi avrà donato una piccola soddisfazione nonostante le critiche.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (532 voti)
Tag:

Commenti

io ho fatto proprio così. ho detto: non voglio complimenti. ditemi tutto ciò che non va. senza pietà. siate cattivi.

e loro lo sono stati :)

@Morena: giusto, così si agisce. ;)

sto seguendo i tuoi consigli e devo dire che mi stanno aiutando molto :-) grazie :-)

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.