Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 42

Le descrizioni rappresentano un altro degli aspetti che marcano il territorio d’un romanzo fra qualità e mediocrità. Nella lezione di oggi vi parlerò della consonanza fra descrizione d’ambiente e personaggi.
Immaginate di volere narrare la condizione di un anziano solo e malato che vive di espedienti per campare: piccoli furti, volgari furbizie, ecc. Ora, intuite con facilità che sistemarlo in un villa d’altri tempi curata e con la donna di servizio non lega molto, ho esagerato, appare chiaro. Allora vive in una casa vecchia e trascurata. Ecco, qui è il punto. Come descrivere la casa vecchia e trascurata? In quale modo rendere la consonanza fra un personaggio simile e la sua casa?.
Le descrizioni degli ambienti non sono soltanto gli oggetti, gli aggettivi in questo caso hanno un ruolo nevralgico. Esempio:

“Il caminetto era spento, cenere e materiali poco distinguibili vicino gli alari. Una scopa accanto. La porta chiusa e la maniglia rotta”.

Pessima resa, pessima.

“Il vecchio caminetto sembrava spento da tempo, soltanto un cumulo di cenere maleodorante sotto gli alari arrugginiti, alcuni tappi lerci e uno straccio rovinato; una scopa consumata per terra, abbandonata vicino alla porta che aveva una maniglia sudicia, nera e rotta”.

Nulla di eccelso, ma già meglio.

Gli aggettivi possono legare le condizioni di un personaggio al suo ambiente, la consonanza fra le parti. Il lettore può intuire lo spazio dentro cui volete portarlo grazie alle descrizioni che dovranno essere mirate, così da fargli intuire chi ci vive e come ci vive.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

è vero. le descrizioni danno carattere al testo e mostrano al lettore alcuni particolari che danno vita al tutto.
domanda:

quando si capisce quanta descrizione è auspicabile e quanta diventa superflua? si intuisce il confine tra 'interessante' e 'noiosa'?

e cambia da momento a momento ma anche da libro a libro. quindi, come dosarla nel modo giusto?

[lo so. allieva rompiscatole]
ma lo faccio per i miei compagni di corso :)

Quello che temo di più è che mi disinnamori del mio progetto, sono molto lontana dal riuscire a scrivere una cartella e mezzo al giorno. E' veramente difficile fare spazio per una passione tra le cose della vita. Ancora non mollo, ma i miei personaggi, la storia che avevo in mente diventa ogni giorno più lontana, avvolta nella nebbia... una di queste mattine scoparirià e non so se riuscirò a riprenderla. Queste lezioni sono comunque il tentativo più concreto che sia riuscita a fare negli ultimi anni, grazie, Stella.

@Morena: quanta descrizione auspicabile o superflua? Non ho mai trovato una persona che mi sapesse rispondere con un grado alto di definizione. La tua domanda rappresenta uno dei nodi insoluti della scrittura (almeno secondo la mia esperienza), è davvero soggettivo, dipende da chi legge. Non ci sono regole. Risposta poco gratificante, ma di più non riesco a dire. L'unica cosa che si può fare è rendere appunto armoniche le parti con un'idea fissa di "consonanza", come scrivevo nella lezione.

@Stella: tieni duro, non mollare, non dar soddisfazione alla demotivazione. La passione fra le cose della vita, sì, hai ragione, è proprio così. Ma dipende da te, che cosa vuoi? Scegli con serietà che cosa vuoi fare. Ti ringrazio per il tuo apprezzamento e forza, ce la puoi e ce la devi fare, per te, per te stessa.

Allora, lo so che sono in ritardo.... Si, alcuni anni diciamo, ma a questo progetto ci tengo veramente. La mia crisi sono proprio queste: le descrizioni! Ho sempre paura che siano troppo superflue e allora le modifico e aggiungo particolari, dettagli... Ma ancora non mi piacciono e aggiungo e aggiungo. Veramente, non so come fare... non so che schema seguire.
Help!
Marta
p.s: spero che tu mi risponda presto, anche perché so che non controlli tutti i commenti dei 100 capitoli, ogni giorno!

Marta! Vuoi che ti risponda con due anni di ritardo?

Sette anni di ritardo vanno bene? Queste lezioni fluttuano nel web e guideranno altri aspiranti scrittori potenzialmente per sempre. L'idea mi piace moltissimo. @Morgan, anche io sto seguendo le lezioni.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.