Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 41

Se l’obiettivo di quantità quotidiano lo avete rispettato, dovreste avere con la lezione di oggi circa 50 cartelle. Posso immaginare che fra voi siano in maggior numero coloro che ne hanno meno, anzi non lo immagino, ne sono certo. Per quale ragione nonostante l’impegno, le lezioni, i consigli, ecc?
Una parola: demotivazione.

Tornerò ancora su questo punto e da adesso in poi ve ne parlerò una volta ogni dieci lezioni fino alla fine dei cento giorni. A taluni sembrerà un fatto stupido all’interno del processo della creazione d’un romanzo, invece lasciatemi sostenere che è il più importante.
Accade spesso che il freno sia motivazionale, non solo nella scrittura. Chiedetevi con serietà: perché non ho raggiunto le 50 cartelle? Siate sinceri.

Avevo pensato di non parlare più di tali argomenti (lo avevo anche scritto in un post), invece, leggendo le vostre mail che mi arrivano numerose, mi sono accorto di come vi sia la necessità di qualche consiglio a riguardo. Forse la crisi mondiale, forse i soldi che mancano o forse il clima di paura che si diffonde sempre più nelle case italiane, la gente è demotivata, figuriamoci nella scrittura.
Sia chiaro: chi sono io per dare consigli sulla motivazione? Domanda legittima credo, ieri ci ho pensato mentre tentavo di salvare un libro che si era inzuppato di acqua. Io non ho nessuna competenza di psicologia, non ho fatto studi universitari in tale senso, però ho letto decine e decine di biografie di scrittori (da Pasolini a Wilde, da D’Annunzio a Joyce, e molti altri), provo a raccontarvi brevemente ciò che ho imparato da loro e dalla mia, seppur semplice e anonima, esperienza.
La motivazione per continuare a scrivere non cade dal cielo. Ovvio. Alla base v’è uno sforzo consapevole, ancora: uno sforzo consapevole.
Le condizioni in cui vi trovate (lavoro, salute, famiglia, ecc) possono essere difficili; vi mancano magari le informazioni idonee per avere una strategia: vi serve un modello per emularlo; non mi stancherò mai di dirvi quanto la visualizzazione sia fondamentale, in grado di mutare le vostre abitudini se la considerate con serietà.

Oggi stesso prendetevi del tempo per starvene tranquilli, da soli. Immaginatevi mentre scrivete, non dovrebbe essere una diapositiva fulminea, bensì una scena lunga nella quale osservate voi stessi fare ciò che vi serve per il vostro romanzo.

Vi fu un periodo in cui ero del tutto bloccato con la scrittura: non riuscivo a mettere giù una parola, ogni scusa era buona per non prendere la penna in mano o non mettermi davanti al computer (impegni, lavoro, amici, pigrizia, telefono, bla bla bla). Credo che fosse proprio la demotivazione, la convinzione che «tanto non ce la farò mai a scrivere un romanzo». Cercavo, senza rendermene conto, tutta una serie di rimproveri che non facevano altro che ripercuotersi nella mia psiche bloccandomi, lasciando il foglio bianco, demotivandomi appunto. Immagino che accada anche a qualcuno di voi.
Poi, successe qualcosa di inaspettato. Provai diversi modi per stimolarmi a scrivere, ero ossessionato dal ricercare una soluzione concreta. Appena sveglio, la mattina, visualizzavo alcuni dei miei scrittori preferiti seduti vicino a me, mentre anch’io scrivevo. Avevo ricercato le loro foto, le avevo stampate nella mia mente, mi veniva semplice trovarmeli accanto come fossero amici. Ad ognuno avevo pure assegnato una poltrona con un certo colore, ecc. Così, giorno dopo giorno, appena suonava la sveglia, prima di aprire gli occhi, dedicavo cinque minuti alla visualizzazione: io al computer e i miei tre amici scrittori sulle poltrone. Beh, non ebbi una conversione di abitudini intensa, però qualcosa cominciò a cambiare in poco tempo, cinque righe, dieci righe, cavolo, stavo procedendo. E quanto più rispettavo i momenti nei quali decidevo di scrivere, tanto più mi accorgevo che quella sensazione di piacere durante e post scrittura mi forniva nuova adrenalina, mi faceva stare bene, mi sembrava in qualche modo di rispettare i tre scrittori che avevo sistemato nelle poltrone accanto a me. Avevo trovato un modo per disciplinarmi.

So che a qualcuno sembrerà un’idiozia, eppure con me funzionò. Avevo trovato un metodo concreto per farmi procedere con il romanzo che avevo in testa. Inoltre, durante la giornata, pensavo a loro più volte, pensavo a come avevano scritto quei romanzi fantastici che avevo letto, cercavo nella memoria le pagine biografiche che mi colpirono o riflettevo sulle loro difficoltà. Qualche esempio: Joyce a Roma senza soldi costretto a fare un lavoro che trovava insopportabile o D’Annunzio distratto di continuo da feste e sensualità.
Un’altra cosa sia altrettanto chiara: nessuno qui, tanto meno io, vuole dichiarare con presuntuosa fiducia di essere o assomigliare allo scrittore preferito e di possedere, ancora ovviamente celato, un destino celebre sulla scena letteraria, ma se un gioco mentale vi stimola a scrivere, vi fa sentire meno soli e oppressi dalle difficoltà della vita, vi aiuta a creare il vostro romanzo, qual è il problema?
Visualizzate ogni giorno qualcuno che è riuscito a fare ciò che desiderate, tentate di indagare le sue tecniche o strategie, emulatele, fate in modo di portare dentro di voi le medesime modalità di azione, il nodo è generare una nuova abitudine facendosi aiutare da chi quell’abitudine l’ha adottata con successo.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (300 voti)
Tag:

Commenti

Oltre alla demotivazione ci sono anche altre cose. Io ho avuto un blocco al quarto capitolo e uno al quinto. Non l'ho avuto per i primi tre perché avevo tutto chiarissimo in testa e i primi tre sono in pratica il primo capitolo (ora che ho sistemato ancora meglio la struttura del romanzo).
credo avrò un blocco anche prima del sesto e cioè ora.

Ma non mi sentivo demotivata. Era proprio incapacità di affrontare la storia nel modo giusto. Ma sto iniziando a capire molte cose.
Molte davvero.
E mi sa che ora inizio il sesto capitolo :)

caro Morgan, questa lezione è davvero interessante. Mi piace, questa tecnica.
Si potrebbe applicarla anche ad altre cose
che non riusciamo a fare nella vita.
vincenzo

@Morena: sì, il blocco non da demotivazione è un altro aspetto interessante, ne parlerò.

@Vincenzo: grazie, è come dici, esattamente come dici. Io lo faccio da anni e, nonostante le difficoltà della vita, vado avanti con discreta fiducia.

Complimenti Morgan, concordo con il bellissimo insegnamento: "Gli ostacoli non contano se in te c'è la forza di rialzarti"

Il problema è che ho una paura esagerata di montarmi la testa; ce l'ho perché effettivamente da piccola avevo quest'abitudine, e sia mia madre prima che i miei compagni poi diventavano duri con me. Ancora oggi, per qualsiasi piccolo mio successo, mamma mi previene: "Adesso non ti montare la testa". E io ho paura, ho una paura matta che possa succedere e un famigerato ego sproporzionato trapeli dai miei pensieri, così che gli altri lo colgano e mi bollino come insopportabile.
Ho un rapporto spinoso anche coi complimenti, sia con l'accoglierli sia nel farli, e nelle vanità altrui.
Quindi, caro Morgan, come posso io crearmi giochi mentali per sostenere la fiducia in me stessa?
L'autostima è sempre stato il mio punto debole...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.