Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Frammento Cinque: la barca di San Pietro e la poesia

Scesi rintronato, i pensieri lenti, i movimenti lentissimi, mi sedetti, alzai lo sguardo e vidi quella bottiglia, come ogni anno, immancabilmente. E lì vi dovrebbe essere stata una barca, creata grazie a un uovo, o meglio, un albume d’uovo. Non c’è buon senso o crudo realismo, neppure un avanzamento nel rapportarsi con le leggende, tanto meno con le fantasticherie: mia madre individuò l’albero maestro e le vele. Io, tanto per cambiare, non vidi nulla, se non qualche viscido filo bianco nell’acqua. Se ho davanti un timido anfratto con vicino una piccola pozzanghera, non posso certo immaginare di trovarmi nel mezzo d’una forra.
Eppure alcune leggende popolari resistono. La barca di San Pietro rivelava un tempo notizie vitali per l’agricoltura o prossime gravidanze per la sposa. Che sia anche in questo la natura della poesia?

Nel legarsi al mondo con significati che non dipendono necessariamente dalla realtà, bensì da un calderone di immagini vive, sfuocate, intense, serve, tragiche, mutanti. La poesia non è la realtà; la prima invade le viscere di ognuno di noi e la ragione ci concede di discernere ciò che si ritiene rilevante o meno; la seconda accade fuori dalle nostre viscere, è una scelta dell’io appartenervi o, se si riflette in termini di flusso, farla entrare nei mondi interiori.
La poesia non è la complessità del singolo oggetto che si osserva, ma il rimando, le associazioni, i significati che emergono da quella medesima complessità. E, senza indugio, i rapporti fra loro. Ecco che dalla barca di San Pietro può nascere una canzone pindarica o un carme. Chi è poeta sente le viscere vibrare e trova poi l’abilità di trasformare le sensazioni in versi. I semplici fatti sono più convincenti delle argomentazioni sosteneva Whitman, aveva ragione. Inutile sentenziare sugli eventi, ognuno li giudica e li immagina a seconda degli occhiali che porta. La musica viene prima delle parole, dentro l’anima, la quale è madre del trasbordare immaginifico portato in versi.

Quanta poesia nella barca di San Pietro: la bottiglia, l’acqua, l’albume, la notte, l’attesa, l’epifania, gli auspici, le speranze, amalgamati assieme. Non è spiegare o descrivere, è invece un sentire o un percepire, è più sottile la questione.
E per un orso rustico come me era impossibile capire mia madre. Non è una poetessa, ma ha la poesia dentro. Così qualche giorno fa ho impegnato del tempo ad ascoltare le sue emozioni di fronte all’albero maestro e alle vele. Ho tentato anch’io di percepire, di sentire.
In quale modo è possibile sublimare se stessi alla ricerca dell’aria più tersa dell’altro? Non è forse strappare una parte della nostra anima per rivolgerla verso lidi a noi sconosciuti?
Parrà a qualcuno che la poesia possa infrangere muri di incomunicabilità fra gli umani, ciononostante essa non si presenta all’uscio di chi arde di descrivere, insinuando così nel processo l’io, i ragionamenti, la logica. È davvero un abbandonarsi al flusso. Tutto ciò che è poetico non è di per sé, non esiste in quanto tale, ma è una caratteristica di certe persone, è un amore dell’unità in un attimo, dello spazio e del vuoto in un’immagine, dell’infinito e della vacuità orientale, in onore al monaco Nagarjuna.

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.