Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 35

La lezione di oggi la concepii non pochi anni fa, precisamente nel 1999. La scrissi una notte in preda all’insonnia, di solito rivedo e sistemo gli appunti che ho raccolto negli anni, in questo caso la lascio uguale all’originale. Per darvi il sapore del sonno che non giungeva, per tentare, nonostante l’aspetto freddo e formale con cui in genere si pensa una lezione di chiunque, di lasciarvi anche sensazioni. Perdonate il linguaggio, perdonate altre cose. Spero che vi divertiate.

13 novembre 1999 ore 4.12
Il mondo tace, dorme. Mi piacerebbe pensare che sono sveglio per seguire l’esempio di Karl Kraus quando scriveva “la stupidità dorme, io vado al lavoro”, manco quello. Non dormo perché non ho sonno, tanto per cambiare. E cerco simili sventurati per illuminarmi o deprimermi oltre ogni mio limite pensabile. Prima rileggevo alcune vicende di Gregorio Samsa, ti entrano nelle viscere, però almeno lui s’era svegliato da sogni agitati, li avessi io i sogni agitati, che palle non avere sonno. Come si può riuscire ad “entrare nelle viscere” di chi legge? Immagino che sia una questione di armonie, stile, parole, suspense e chissà quante altre cose. Mi viene in mente ora il viaggio di Michele Strogoff di Verne, divorai quel libro da ragazzino, mi entrò nelle viscere, sì, ne sono convinto, la Russia mi si è presentata allora; senza dubbi, da quel momento in poi Tolstoj, Gončarov, Dostoevskij, Lomonosov, Gogol, Turgenev e compagnia bella erano alla porta, bastava presentarsi, salutare ed entrare nella casa dei magici russi. Poiché si crea una magia impalpabile quando si riesce a coinvolgere il lettore, o meglio, più che impalpabile, indefinibile, la si percepisce, la si tocca direi, ma se qualcuno ci chiede di spiegarne le ragioni? Disarmati, silenzio, almeno questo è quanto accade a me. Maledetto Gregorio che stanotte non mi lascia dormire. La sua stramaledetta angoscia. Aveva ragione Kierkegaard nel suo libro “Il concetto dell’angoscia”, aveva certamente ragione, peccato che ci vedesse la Bibbia in ogni luogo e tempo (ossessionato dalla religione?), tutte le ciambelle non possono uscire con il buco. Ma torno al punto: “entrare nelle viscere”. Leopardi scrive “Mancare assolutamente di sistema (qualunque esso sia), è lo stesso che mancare di un ordine di una connessione d’idee, e quindi senza sistema, non vi può esser discorso sopra veruna cosa” [949, Zibaldone]. Sistema, ordine, non caos, non disordine. Si entra nelle viscere attraverso un metodo, una strategia. Prima si pensa a come disporre il pezzo sulla scacchiera, poi si muove. Prima si pensa a fare la guerra, poi la si fa (mi ricorda qualcosa di Napoleone, boh). Voglio avere sonno! Voglio avere sonno! Se continuo a dirlo magari funziona. Cazzo. Dunque strategia. Per entrare nelle viscere di chi legge ci vuole una strategia, bisogna portarlo dove si vuole fin dall’inizio. Che atroce pensare che tanti scrittori abbiano premeditato di fregare i loro lettori. E da quella fregatura ci guadagnano pure dei soldi, se non è un’assurdità questa, dove la si deve cercare? Quindi, sì alle armonie, sì allo stile, ecc, ma tutto con una strategia, con un metodo, con un sistema come consiglia Leopardi. Non si pensa solo alla storia, non si pensa solo a come scriverla, non si pensa solo a scriverla bene, bisogna scriverla avendo bene in testa dove si vuole condurre il lettore.
L’ultimo punto crea la “dipendenza” dalla storia. Ne sono sicuro, è così. Mi viene il sospetto che sia esattamente così anche nei sentimenti. Sì la creatività, sì l’istinto, ma non siamo tutti più o meno machiavellici? Non so se pensarne bene o male, mi sembra di vedere un senso di tristezza invadere spazi che non vorrei concederle.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (518 voti)
Tag:

Commenti

bene, portiamolo dove vogliamo 'sto lettore.
prendiamolo per mano, conduciamolo, mostriamogli i particolari che vogliamo e e facciamogli vedere ciò che desideriamo.
tutto ciò è fregare i lettori? no, tutto ciò è la bellezza del sogno. e facciamolo sognare, vivere, amare, soffrire. coinvolgiamolo.
e poi lasciamolo abbandonato a sognare il momento in cui potrà ritrovare le nostre storie.

Bella lezione, scritta alle 4,12. Lo dico sempre: ciò che si produce di notte ha una visionarietà affascinante. Peccato che io di notte non riesca a scrivere. Chissà che capolavori produrrei... invece, mi devo accontentare di ciò che scrivo di giorno. (mi sono creata un alibi non male, ek?) :)

@Morena: bellezza e fregatura forse non sono due parti della medesima medaglia?

Ecco io avrei una serie di considerazioni e di domande da fare. Leggere e rileggere gli appunti.....
La paura di andare "fuori tema" come a scuola.....
Come risolvere tanti problemi che incontro per strada?
EAd esempio mi chiedo: cosa distingue un romanzo da una luuunga storia?
Quanto si può divergere dal nocciolo senza perdersi nelle spire della trama stessa?
Quando materiale si puù mettere sulla scacchiera, e quanti possono essere i pezzi con cui giocare(se si era partiti da due più le comparse) senza che ci sia un sovraffollamento e, alla fine, una scacchiera impazzita?
E come far fremere il lettore di suspance e aspettative in un romanzo normale un po' intrspettivo, durante i capitoli, quando io ho in mente solo "il gran finale"?

Non solo dove si vuole condurre il lettore secondo me, ma anche che considerazione fargli fare, che lezioni 'insegnargli'.
P.s.fortunatamente io di notte non dormo tanto quindi mi do alla scrittura!
Roby

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.