Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 34

La griglia che avete plasmato all’inizio non è un trucco da prestigiatori che poi esaurisce la sua magia, bensì un “luogo” nel quale tornare di continuo.
Una delle ragioni che dovrebbero spingervi a consultarla mentre scrivete è rappresentato dalla coerenza di cui capirete giorno dopo giorno l’importanza.
La coerenza riguarda i rapporti fra le diverse parti del romanzo.

Se un ragazzo aveva perso un occhio in un incidente non potrà ovviamente vedere il mondo allo stesso modo e la griglia vi servirà per legare tale evento al resto della storia. Questo è un fatto evidente; vi sono altre condizioni che sfidano la coerenza e uno scrittore alle prime armi potrebbe cadere con facilità in errore.
Immaginate che a pagina 20 fate dire a Luigi di odiare gli animali, è chiaro che a pagina 97 appare quanto meno assurdo che lui possa decidere di ospitare con tranquillità un piccolo gatto in casa perché la figlia lo trova abbandonato in un vicolo. La coerenza va a braccetto con la chiarezza: lo scrittore non deve perdere i particolari, potrebbero creare fatti impossibili, mal legati, illogici.

Il consiglio è di trovare il tempo di rileggere, di appuntare particolari nella griglia e nei fogli dei personaggi. La coerenza deve essere consapevole, non si produce per istinto, troppi i dettagli, troppi gli eventi, come potere ricordare tutto senza riportarli di continuo alla mente?
Credo che appaia sempre più chiaro quanto sia faticoso reggere la responsabilità d’un romanzo in ogni sua parte, senza sbavature, senza stupidi errori, senza illudersi di fare un capolavoro trattando ciò che si scrive con superficialità.

La coerenza, come l’originalità, è un approccio mentale. Chiedetevi con serietà: se non si è coerenti nella vita di tutti i giorni, come si potrà pensare di esserlo nella produzione di un romanzo? Non cercate gli estremi, non rispondete con celerità senza considerare che fra il bianco e il nero esistono per fortuna i grigi. Non è necessario essere stoici per curare la coerenza d’un romanzo, però è palese che chi non la pratica nella vita, avrà qualche difficoltà maggiore rispetto a chi la cerca come valore.

Alla fine dei 100 giorni avrete, se ci sarà stato impegno, il vostro romanzo, ma forse l’accadimento più interessante apparterà al vostro mondo interiore.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (509 voti)
Tag:

Commenti

Vero. Sto cercando di giustificare le azioni, il carattere dei personaggi. Se scrivo una cosa che reputo 'bella', che mi piace, ma non ha una giustificazione narrativa, la elimino. Cerco di non inserire episodi gratuiti evitando di innamorarmi troppo di tutto quello mi esce dalla penna. Certo, fra il dire e il fare... ma almeno nelle intenzioni ci sto provando.

giorgio

@Giorgio: hai, secondo me, colto un nodo nevralgico: mai innamorarsi troppo di ciò che esce dalla penna, si rischia di non discernere con severità le scelte stilistiche dalla rinunce necessarie.

tutto deve 'filare' alla perfezione. ci sto lavorando. e mi segno tutto. sono piena di appunti. io stessa sono un appunto

@Morena: per l'appunto! :)

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.