Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 23

Concentratevi oggi su un concetto: la caduta. Accade non di rado che tale idea sia integrata in una narrazione, con accezioni diverse, com’è ovvio.
Cade il valore dei titoli di borsa e manda in crisi una famiglia; cade un bambino ferendosi al ginocchio; si può cadere in crisi coinvolgendo anche le persone accanto; si cade in disgrazia a qualcuno per un’azione; cadono gli alberi tagliati dai boscaioli; si cade dal sonno; cadono i fulmini; ecc.

La caduta implica o un “rassegnarsi” alla nuova situazione o una risposta per affrontarla, non passa in ogni caso inosservata. Pensate a una serie di cadute nel vostro romanzo, da quella più banale alla più seria. Un modo per avanzare nell’evolversi della storia con cambi di scena coinvolgenti.
E utilizzando la “caduta” non dimenticate la lezione del 28 maggio sugli ostacoli e imprevisti.
Il consiglio è di inserire in ognuna delle 24 microtematiche una caduta.

Vi può essere una caduta di motivazione in voi durante la sfida di “come scrivere un romanzo in 100 giorni”. Tranquilli, siete in buona compagnia. Capita, l’importante è tentare con ogni mezzo di riprendersi e proseguire nel cammino. Immaginate a chi volete comunicare le vostre parole, fatevi forza pensando a loro.

“Ogni scrittore ha in vista una classe particolare di lettori ideali per la sua opera. È necessario definire chiaramente a se stessi le esigenze di questi lettori ideali; e se nella realtà esistono, in tutto il mondo, solo due di tali lettori, scrivere solo per loro”.
[“I diari” di L.N.Tolstoj, 2 gennaio 1852]
Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (269 voti)
Tag:

Commenti

Le cadute mi piacciono assai. Sono necessarie.
Perché così ci si può rialzare.
E poi quando si cade si è portati a fare delle cose. Si prendono decisioni improvvise e magari sono quelle sbagliate.
Ma anche no. E sono comunque decisioni che fanno procedere la nostra storia e che danno 'succo'.
Bene.
e buona settimana :)

non sono troppe cadute, una in ogni microtematica? non vorrei che il lettore, una volta capita la chiave di lettura, finisse per stancarsi. Ma forse nelle prossime lezioni ci darai lumi sull'utilizzo delle cadute :)

Professore oggi sono presente.
mi giustifico per venerdì che ero sotto lenti mediche.
mi riaggiorno e torno.

@Morena: l'idea di succo mi piace. Sì.

@Simo: direi di no, e mi spiego. Due consigli: il primo è che il segreto è non usare la parola caduta, un modo per nascondere associazioni semplici e dirette; il secondo - ripeto quanto già detto - riguarda il senso delle cadute, che possono essere serie ma anche brevi e quasi ovvie, come la caduta delle foglie d'un albero.

@Sonia: passa per questa volta, mi auguro tutto bene venerdì.

a dire il vero no...
ma c è di peggio via!

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.