In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 16

Accade talvolta durante la narrazione che un personaggio senta la necessità di esprimere le sue idee a se stesso, in forma di monologo interiore.
Egli/Ella non enuncia che sta pensando, bensì fa cadere in parola direttamente i suoi pensieri, uno dietro l’altro, uno scorrere di immagini, o di emozioni, o di frasi dettate da rabbia, o di percezione dell’ambiente circostante o di ricordi o di giudizi.

Il monologo interiore è un’ottima tecnica per accelerare il ritmo: si possono rivelare elementi in un brevissimo spazio di narrazione, con un unico punto di vista; vi è l’opportunità di insinuare dubbi nel lettore e portarlo così verso una particolare prospettiva, magari confondendolo o depistando una previsione che appariva sempre più chiara.

Non è qui la sede idonea per fare distinzioni teoriche precise, avete la sfida dei 100 giorni da portare avanti, ma non confondete il monologo interiore con il flusso di coscienza di Joyce, per intenderci. Lunedì vi parlerò di quest’ultimo, preziosissimo anch’esso in una narrazione, se si decide di utilizzarlo.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]


Consiglio: provate a scrivere uno stesso monologo due volte, con diverse sensazioni. Vi permetterà di cogliere in miglior modo la caratterizzazione del personaggio decidendo poi quale forma lo rappresenta di più, o a volte si potrebbero integrare i due insieme.
Dovete essere un’aquila sul vostro romanzo, che osservate dall’alto, non una marmotta con il muso a terra.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (548 voti)
Tag:

Commenti

ottimo. allora apriamo bene le ali, spalanchiamo gli occhi e andiamo :)

il monologo interiore me gusta.

Il monologo io lo temo perché rischierei di voler fare uno "spiegone", cioè dire qualcosa invece che farla succedere e finendo quindi in conflitto con la regola di quell'altra tua lezione.
Che ne dite?

Giorgio

Non so che dire.
Mi è sballata completamente la griglia e non riesco pù a sistemarla. Riesco ancora ad andare avanti, ma poi che faccio?

Adoro i monologhi e far trapelare nelle pagine i pensieri del personaggio perchè ne determinano l'intelletto e il modo di pensare. Il mio unico problema è mettere i monologhi all'interno di una narrazione scritta in terza persona. E se cambio la persona ( quindi narro in prima) non ho poi l'opportunità di far trapelare il punto di vista di un altro personaggio. Ho pensato anche di alternare capitoli in cui la focalizzazione è concentrata prima su un protagonista poi sull'altro ma non ci sarebbe uno schema preciso di quali capitoli e quali no... sono piuttosto dibattuta in questo. Qualche consiglio?

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.