Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Massimo Junior D'Auria

Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.

Ho iniziato da piccolo, ma non ricordo l’età esatta. All’inizio scrivevo trasposizioni, su carta, dei telefilm gialli che vedevo, poi con l’avanzare degli anni ho iniziato a usare la mia fantasia, e non quella di uno sceneggiatore televisivo.

Se consideriamo come estremi l´istinto creativo e la razionalità consapevole, lei collocherebbe il suo modo di produrre scrittura a quale distanza dai due?

Penso che la mia scrittura si ponga giusto al centro. Dopo che ho avuto l’ispirazione mi faccio trascinare dall’istinto creativo, se sia o meno un vero istinto creativo è un altro discorso, poi dopo aver completato la parte istintiva, limo e rivedo tutto in funzione della razionalità, in modo da rendere più fluido ed interessante il mio pensiero.

Moravia, cascasse il mondo, era solito scrivere tutte le mattine, come descriverebbe invece il suo stile? Ha un metodo rigido da rispettare o attende nel caos della vita un´ispirazione? Ce ne parli.

Io scrivo quando posso, non si tratta semplicemente di possibilità in termini di tempo, bisogna anche avere la testa e la concentrazione giusta, altrimenti ciò che scrivi difetta di passione e d'interesse. L’ispirazione mi può venire anche durante un corso universitario, ma quando scrivo, ho bisogno di stare nel più assoluto silenzio, altrimenti non riesco a scrivere più di qualche parola senza senso.

Di che cosa non può fare a meno mentre si accinge alla scrittura? Ha qualche curiosità o aneddoto da raccontarci a riguardo?

Non posso fare a meno della porta chiusa e del silenzio, non potrei mai scrivere con gente che entra ed esce dalla stanza, o con della musica che mi distrarrebbe dalla scrittura. All’inizio quando scrivevo in clandestinità (non perché i miei genitori non volessero, semplicemente non sapevano), scrivevo soprattutto di notte, in modo da rimanere da solo con il mio computer.

Wilde si inchinò di fronte alla tomba di Keats a Roma, Marinetti desiderava "sputare" sull´altare dell’arte, qual è il suo rapporto con i grandi scrittori del passato? È cambiata nel tempo tale relazione?

Ho un rapporto ambivalente nei confronti di quelli che sono considerati grandi scrittori del passato. Amo Kafka, Orwell e tanti altri autori importanti, ma nello stesso tempo ci sono alcuni autori che, per il loro stile, non riesco proprio a leggere, non perché sia complesso, ma perché semplicemente non mi piace. In ogni caso spero nei prossimi anni di incrementare le mie letture “classiche”, in modo da definire meglio il mio rapporto con i mostri sacri.

L’avvento delle nuove tecnologie ha mutato i vecchi schemi di confronto fra centro e periferia, nonostante ciò esistono ancora luoghi italiani dove la letteratura e gli scrittori si concentrano? Un tempo c´erano Firenze o Venezia, Roma o Torino, qual è la sua idea in merito?

Penso che, con il dilagare del web, ci sia stata un appianamento della differenza tra centro e provincia. Sono nati, sul web, molti gruppi e salotti letterari, e penso possa essere un modo interessante e simpatico per far relazionare persone che non potrebbero mai incontrarsi. Penso d’altro canto, che ci siano molti scrittori concentrati, ancora in alcune zone piuttosto che altre, ho potuto notare come molti emergenti o esordienti siano: dell’hinterland napoletano, romano o milanese.

Scrivere le ha migliorato o peggiorato il percorso di vita? In altre parole, crede che la letteratura le abbia fornito strumenti migliori per portare in atto i suoi desideri?

Indubbiamente sono stato influenzato dalle cose che ho scritto, ma penso che sia avvenuto anche il contrario. Scrivere mi rilassa, mi piace, quindi di conseguenza ha migliorato sicuramente il mio percorso di vita. Per quanto riguarda i desideri, forse, avendo diciannove anni, sono ancora troppo giovane per decidere se sia stato utile, lo scrivere. Magari dovrò ripassare tra qualche anno.

La ringrazio e buona scrittura.

Grazie a lei per l’intervista.

Massimo Junior D’Auria nasce a Napoli il 6 novembre del 1989. Attualmente risiede a Casavatore (NA). Diplomato al liceo scientifico, ora frequenta il CLEA(corso di laurea in economia aziendale) presso la Federico II di Napoli. “La vita degli altri”, edito da Arduino Sacco Editore, è la sua opera d’esordio, nonostante abbia già pubblicato racconti in diverse antologie.
Sito web: www.massimojuniordauria.wordpress.com

Nessun voto finora

Commenti

Da anni seguo la carriera di questo giovane autore.
Sono sicuro avrà il successo dovutogli.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.