In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Giorgio Fontana

Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.

Ho iniziato a scrivere "seriamente" verso i diciassette-diciotto anni. Non riesco a ricostruire con precisione l'accaduto, ma non parlerei di caso fortuito. Ero sempre stato un buon lettore, e un ragazzo un po' solitario: ma questa è forse solo la superficie della cosa. Forse bisogna tornare più indietro, a un bambino che amava inventare le storie con suo padre. Sì, probabilmente questa è l'origine del tutto: storie. Sono sempre stato affascinato dalle storie, ed è arrivato banalmente un momento in cui ho deciso di cominciare a scriverle.

Se consideriamo come estremi l’istinto creativo e la razionalità consapevole, lei collocherebbe il suo modo di produrre scrittura a quale distanza dai due?

Direi che l'inizio, l'idea, la formazione di una storia, è sempre dettata dall'istinto. Gli embrioni di storie mi sono sempre venuti in mente in momenti e modi casuali: scendendo dal tram, affacciandomi alla finestra, lavandomi i denti. Quello è il momento degli appunti frenetici e della "scossa" iniziale, che può anche non portare a nulla. Una volta che la trama è vagamente definita e i personaggi prendono forma nella testa, inizia la fase della stesura. E qui è per gran parte questione di razionalità - di lucidità, più che altro. Scrivere è una gran fatica, e io sono uno che pone grande attenzione sia alla lingua che alla struttura di un romanzo: affidarsi al solo fiuto istinto in questi casi significa soltanto credere all'ideale del talento assoluto, nel quale io non credo affatto. Ma allo stesso tempo non bisogna dimenticarsi mai della componente istintuale. Negli snodi della storia può risultare fondamentale.

Moravia, cascasse il mondo, era solito scrivere tutte le mattine, come descriverebbe invece il suo stile? Ha un metodo rigido da rispettare o attende nel caos della vita un’ispirazione? Ce ne parli.

Dipende. Se davvero non ho voglia di scrivere, non scrivo. Inoltre, lavorando otto ore al giorno, il tempo per forza si comprime: la verità è che bisogna scrivere sempre quando si sente davvero la necessità di farlo. In quei casi bisogna mettersi seduti e lavorare duramente. E molto spesso anche non in quei casi: la scrittura richiede dura disciplina e tantissimo sacrificio. Non credo molto nell'ispirazione, credo invece nell'artigianato e nella capacità di migliorare passo dopo passo.

Di che cosa non può fare a meno mentre si accinge alla scrittura? Ha qualche curiosità o aneddoto da raccontarci a riguardo?

Ho scritto un po' ovunque, ma al momento non riuscirei a immaginarmi nella stesura di un libro senza un posto tranquillo e silenzioso, una scrivania, e ovviamente il mio laptop. Per il resto non ho grandi necessità. L'ideale sarebbe avere i libri necessari da consultare al fianco, per la ricerca, e internet disponibile. Ma sono uno scrittore abbastanza flessibile.

Wilde si inchinò di fronte alla tomba di Keats a Roma, Marinetti desiderava “sputare” sull’altare dell’arte, qual è il suo rapporto con i grandi scrittori del passato? È cambiata nel tempo tale relazione?

Diciamo che dopo una fase di ubriacatura di classici, dai sedici ai ventun anni, mi sono dedicato soprattutto alla narrativa contemporanea. Prima i grandi scrittori erano una solo un piacere e una lezione, ora più che altro sono un monito: le lezioni preferisco prenderle da chi è più vicino temporalmente a me. E poi riaprire Kafka, il mio eroe letterario, ogni volta che ritengo di non aver scritto una parola per quanto possibile necessaria - una parola che, nel mio piccolo, possa contribuire in qualche modo a scalfire la superficie delle cose.

L’avvento delle nuove tecnologie ha mutato i vecchi schemi di confronto fra centro e periferia, nonostante ciò esistono ancora luoghi italiani dove la letteratura e gli scrittori si concentrano? Un tempo c’erano Firenze o Venezia, Roma o Torino, qual è la sua idea in merito?

Per quanto ho potuto vedere Milano e Roma sono ancora due capitali di accentramento degli scrittori. Molti miei colleghi vivono in queste due città. Anche Torino e Bologna hanno delle buone scene, e non dimentichiamo mai l'enorme serbatoio iniziale della provincia (da cui io stesso provengo). Probabilmente non è più il tempo delle avanguardie e dei caffè letterari, ma ancora oggi ci sono dei bei momenti di avvicinamento. Penso solo alla realtà delle riviste letterarie online, o a certi circoli ARCI fortemente impegnati nella diffusione della scrittura, come la Scighera a Milano.

Scrivere le ha migliorato o peggiorato il percorso di vita? In altre parole, crede che la letteratura le abbia fornito strumenti migliori per portare in atto i suoi desideri?

E' una domanda molto difficile. Posso offrire una risposta a raggio corto e una ad ampio raggio. La risposta a raggio corto è che la scrittura, come lo studio della Filosofia, mi ha educato ulteriormente all'umiltà, mi ha aiutato a sviluppare una comprensione più acuta delle cose e delle persone, mi ha mostrato il lato più fragile e bello dell'umanità.
Per quanto riguarda la mia vita considerata ad ampio raggio, scrivere non me l'ha peggiorata. Me l'ha completamente fottuta. Ciò nonostante, non potrei dire che tornerei indietro.

La ringrazio e buona scrittura.

Grazie mille a lei.


Giorgio Fontana è nato a Saronno nel 1981. Laureato in Filosofia, ha vissuto nel cupo hinterland varesotto, a Montpellier, a Dublino e in Québec, come studente o svolgendo una serie di lavori improbabili. Condirige il pamphlet letterario Eleanore Rigby, e collabora con V&S; e con la pagina di cultura de Ilsole24ore.com. Molte sue recensioni sono apparse su Bottega di Lettura. Ha pubblicato i romanzi Buoni propositi per l'anno nuovo (Mondadori 2007) e Novalis (Marsilio 2008), e il reportage narrativo Babele 56 (Terre di Mezzo 2008). Al momento vive e lavora a Milano.

Sul web: www.giorgiofontana.com

Nessun voto finora

Commenti

bella intervista. e ho letto anche qualche racconto di Fontana.

e ora mi rimetto al lavoro :)

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.