Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Frammento Uno

Se peregrino per la storia dall’antichità, consapevole che l’impresa sia, da un lato, grossolana, dall’altro, mai un percorso compiuto, ma perfettibile, affronto con drammatica disillusione il continuo palese scoramento di chi desidera una società più giusta. Qualora volessi invece credere che il sopraccitato scoramento rappresenti una modalità del coraggio civile, come taluni amano pontificare nelle più diverse occasioni, né un impeto di rabbia né una logica stringente mi permettono di accettare in maniera esaustiva che il nocciolo della matassa sia, per così dire, definito. Forse perché della debole natura umana bisognerebbe parlare, forse perché l’età non occlude l’ultimo filo di lucidità che mi rimane (maledetta età che vieta ciò che si discosta dalla gerontofilia italica), affermo in ogni caso con forza che lo scollamento fra la letteratura italiana con impegno civico e i comportamenti dell’italiano medio sia incolmabile.
Gomorra, il celebre libro di Saviano, vende milioni di copie, è presente in tantissime case italiane e le coscienze, si potrebbe sostenere, sono state informate, avvisate, redarguite. Eppure, grazie a una gelida risposta di massa, a una serie di abitudini che si rincorrono al pari di un salmone che risale il ruscello, la società nostra continua ad accettare soprusi, estorsioni, corruzioni, raccomandazioni e un’infinità di posizioni passive od opportunistiche che rendono i rapporti certamente falsi, ma anche quieti, o almeno sembrano tali. Perché oramai uno degli obiettivi delle ultime generazioni è la quiete, o, detta in termini più aulici, “non rompersi i coglioni con ciò che non ci riguarda”. Giacché il confine contemporaneo fra la storia individuale e la storia collettiva è un unico pensiero: spingiti fino a dove ti appartiene “strettamente”, appena varchi lo “strettamente” abbandona, fuggi, stai zitto, non ascoltare, non vedere, non commentare, cerca l’isolamento interiore.
Siamo giunti dunque all’evoluzione più degenerante dell’utilitarismo, con buona pace dei Mill e dei Bentham, dei Rawls e dei Sen. Mi chiedo allora come si possa definire “coraggio civile” ciò che dovrebbe assurgere invece a dignità di scoramento. Mi sembra di sentirli gli ottimisti speranzosi o gli utopisti creativi, no, non mi infinocchiate più con le vostre algide speranze di rinnovamento; non permettetevi di reiterare le vostre squallide promesse. La dignità non è più lavorativa o appartenente al diritto, nel vostro caso è più profonda la questione, scendendo dalla nuca, attraverso la schiena, fino all’osso sacro, ecco, la dignità dovrebbe andare là, in ognuno dei vostri orifizi.
Lo scoramento di fronte a una società che continua ad essere ingiusta verso i più deboli si è impadronito del mio spirito quanto la fede appartiene a un cardinale o a un vescovo, con la differenza che la fede permette loro di sbarcare il lunario, mentre il mio scoramento insiste affinché io cessi hic et nunc il mio passaggio terreno, figuriamoci accumulare la mesata.
Se non cedo al passo fatale è per un unico motivo. Non sono a capo chino sul precipizio, pronto a saltare, neppure colui che guarda il folle a pochi metri tentando di salvarlo prendendolo per la caviglia di getto o quanto meno di parlargli con calma affinché si eviti il peggio, sono con una mano attaccato all’ultimo sasso prima del vuoto, sotto il folle, non lo vedo… Questa maledetta parete rocciosa è a forma di fungo, perciò ciondolo tenendomi con forza. Li voglio vedere tutti cadere uno dopo l’altro, nomi e cognomi, perché il mio scoramento civico abbisogna di volti e tormenti, unica soddisfazione in una società che ineluttabilmente ha negato anche il potere della letteratura a vantaggio del rassegnato quieto vivere.

Nessun voto finora

Commenti

è dura. Delle volte, la frustrazione per quanto accade intorno fa venir voglia, quanto meno, di andarsene da questo Paese. In fin dei conti che ci si resta a fare? Mi verrebbe da dire che la risposta è nella Politica, ma l'attesa di un uomo credibile che sappia scalzare il signor berlusconi è finora stata vana - e se anche ci fosse, la 'società civile' lo saprebbe riconoscere?
Non lo so, forse il mio riferimento alla politica è assai banale e qualunquista, ma credo che lì sia lo snodo - una figura forte, credibile, giusta che riesca a dare coraggio anche ai più appiattiti.

giorgio

@Giorgio: ho trascorso molto tempo a pensare che la soluzione sia andarsene e per un periodo l'ho fatto. Poi ho pensato che fosse la politica il problema, poi la televisione, poi il Vaticano e la chiesa, poi le ingiustizie nel mondo, ecc.
Poi ho capito che il problema è ognuno di noi, il nostro io. Sull'io decidiamo come vedere il mondo, il nostro mondo. E da lì bisogna partire per cambiare qualcosa, per stare meglio, per alleviare dolori. Una cosa ho fatto mia davvero: è bene frequentare gente che sappia mettersi in discussione, gente che si fa domande. Gli altri portano sempre infelicità sia nelle amicizie che nei sentimenti, un'infelicità rispetto a qualsiasi problema del mondo. Chi invece magari si mette in discussione (come atteggiamento mentale) e si fa domande (senza mai smettere) ti lascia la curiosità di vedere se dopo l'infelicità ci possa essere qualcosa di diverso.

Non ricordo chi diceva che il Problema è che le persone stupide non si fanno mai domande (sono piene di certezze) mentre le persone intelligenti se ne fanno in continuazione.

Ecco, non suoni come una generalizzazione, ma forse ci può stare.

giorgio

@Giorgio: ci sta ci sta. Penso a una persona in particolare che vede l'Italia come un paradiso, tutto va bene, non c'è crisi, lo Stato funziona sempre meglio, le segretarie italiane sono le migliori del mondo, ecc. ;)

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.