Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 5

Eravamo rimasti ieri agli otto settori del cerchio. Bene.

Dovete fare un ulteriore passo di complessità, una complessità che sarà poi gestita non come state facendo adesso al pari di una marmotta che fissa la zolla di terra davanti ai propri occhi, ma come un’aquila che dall’alto vigila.
Capirete.

Da ognuno degli otto settori fate uscire dal cerchio tre frecce: ogni freccia rappresenta un argomento che si lega con forza al proprio settore.



Esempio. Se in un settore del cerchio avete scritto “ristrutturazione della casa del protagonista”, le tre frecce potranno così essere rappresentate: la prima, discussioni famigliari sulla necessità della ristrutturazione; la seconda, ricerca dei materiali e di un muratore disposto ad aiutare il protagonista nei lavori; terza, inizia la ristrutturazione con le prime difficoltà (pioggia, fatica, poco tempo a disposizione del protagonista).

Fatelo per tutti gli otto settori, alla fine, vi troverete con 24 frecce (8x3) e, quindi, 24 punti di narrazione da sviluppare in seguito. Per dirla in altri termini, otto macrotematiche e 24 microtematiche. La griglia del vostro romanzo sta prendendo forma o, per i più esperti, avete sotto gli occhi un primo tentativo di fabula. Dell’intreccio invece parleremo domani, perché è lì che sarà richiesta l’originalità dell’autore del romanzo, indipendentemente da ciò che io vi consiglio di fare.

È stato faticoso finora? Quali sono state le difficoltà che avete incontrato?

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]


Fate due conti grossolani, immaginate di scrivere un romanzo di 150 pagine, se dividete tale cifra per 24 ottenete circa sei, in altre parole il numero di pagine che dovrete sviluppare per ognuna delle 24 frecce che avete disegnato.
Consegnate un verso ai fatti del cerchio, indicate con una numerazione crescente ogni freccia, dalla prima all’ultima, dal numero 1 al numero 24. Capirete anche la ragione di questo già domani.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (528 voti)
Tag:

Commenti

Aggiungo: le microtematiche sono i fulcri minimi del vostro futuro romanzo, vi devono essere gli sviluppi che intendete dare alla storia. Non saranno magari definitivi, ma state ponendo le fondamenta, non dimenticatelo.

A me piacerebbe sviluppare una raccolta di fiabe ,scritte naturalmente da me.
Queste saranno raccontate da un personaggio, la cui storia di vita apre la raccolta.
Secondo lei, posso comunque seguire le sue lezioni? O sono indirizzate solamente per la creazione di un romanzo vero e proprio?

sorprendente. non avevo ancora pensato a questa suddivisione. non l'avevo pensata rapportata al cerchio.
no, finora non è stato faticoso. perciò sono preoccupata. immagino che il peggio stia per arrivare.
vedremo.

la Morena sa sempre di più e penso abbia già nasato che le cose si "intrecceranno" :)
un saluto anche la padrone di casa.
vincenzo

@Morena: ne scoprirai molte di belle più avanti ;)

@Vincenzo: sì, direi di sì. :)

Si, finora anche per me non è stato faticoso; però non sono convinto di tutte le microtematiche che ho scelto, ad ogni modo le svilupperò diversamente andando avanti.

Si fa interessante. Adesso sto per sviluppare le microtematiche cercando di coordinarle alle Macro.
Sono ha buon punto perchè ho delle scene ben visualizzate che mi piacerebbe inserire.
Adesso immaggino che diventerà tutto molto più complesso.

Con questa lezione ho capito che per il momento stiamo ragionando per fabula, in modo cronologico.

Fabrizio, magari dai anche un'occhiatina alla grammatica visto che fai confusione tra "a" (avverbio di luogo) e "ha" (voce del verbo avere, tempo presente, terza persona singolare).

Naturalmente, immagino si scrive con una "G", ma questo immaGino lo sapessi già.

Ahahahah mi piace questo progetto per tanti motivi. Uno di questi è la simpatia di certi utenti. Mi hai fatto divertire!:-P
ImmaGino farai successo!

Evvai con macro e micro tematiche! Sto facendo un grosso lavoro di autodisciplina per non andare olre le lezioni ma capisco che ogni volta era questo che mi fregava... Ce la posso fare!

Sono nuova , volevo esporre il mio caso , io ho 13 anni so che sono pochi ma ho sempre sognato di scrivere un romanzo , spero di finirlo e non m'importa se non lo pubblichero perche so che questo rimarrà nel mio cuore come se fosse inciso su di una pietra.Io ho molto tempo a disposizione cosi volevo chiederti se facendo piu lezioni in una giornata va bene oppure se scombussola ogni cosa ... puoi rispondermi?.Per quanto riguarda il titolo andrebbe bene " passato ricordato " oppure "ricordo di un passato" ? grz mille hai tuoi suggerimenti !

ho sbagliato volevo scrivere dei tuoi suggerimenti non hai ! :P scusate !

sono già dentro fino al collo in questa esperienza inedita...mi fa stare staordinariamente bene prima di tutto...è come una liberazione dentro di me...non vedo l'ora di arrivare alla prossima lezione...mery

@ mery: concordo con te... non so esattamente dove andrò a parare, ma l'idea di questa nuova esperienza peraltro "guidata" mi prende tantissimo! è un percorso tutto mio dentro me stesso. sono entusiasta.
alfredo

Per me è stato faticoso !!

Per me è stato un po' faticoso, soprattutto dare una dignità simile agli 8 spicchi... ammesso che ciò fosse necessario.

Un saluto a tutti, io ho iniziato da pochi giorni..dal Canada- (sono alla lezione 5) : per adesso non e' stato tanto faticoso e sono veramente contenta di aver iniziato questo viaggio guidato, grazie!

Inizio a fare un po' di casino... ma mi sto divertendo con questo progetto!

siamo due ragazze e vorremo scrivere un libro insieme. Queste lezioni ci stanno aiutando molto ma vorremo sapere se scrivere un libro a 4 mani è una buona idea e se si possono fare più di 1 lezione al giorno. :)

p.s: aspettaimo a breve una tua risposta Morgan...... M e S

M e S: è certamente una buona idea a 4 mani, ma vi consiglio di fare soltanto una lezione al giorno, per metabolizzare i concetti esposti.

Grazie a tutti per i commenti.

fare un romanzo rosa è più complesso di quanto pensassi -.- perché non sempre i fatti storici vanno a favore di quello che uno vorrebbe far accadere .-. però superati questi tutto si semplifica =)

La disciplina che sto acquisendo grazie a questo "percorso guidato", sta modificando altri settori della mia vita. Grazie di cuore.

Da come ho impostato le microsequenze mi verranno alcune picolissime altre enormi. Comunque grazie tante.

Espongo il mio caso: quattordicenne brufoloso che ama scrivere con un milione di idee e poco tempo (o voglia) x metterle in pratica...

Alcune delle mie microtematiche non sono degli eventi ( cioè non si svolge un'azione vera e propria) ma comprendono la descrizione di una situazione o di un rapporto... va bene comunque?

Io ancora non riesco a salire sulla nave... mi viene da piangere.La storia che all'inizio della sfida mi aveva entusiasmato
adesso sembra priva di originalità .Ho fatto il cerchio con le macro e microtematiche ma non riesco a riempire tutti i settori.Non mi arrendo, sarà l'ennesimo fallimento ma vado fino in fondo.Avrei voluto ci fosse qualcuno a leggermi per
darmi un qualsiasi consiglio e,va bene anche cosi'(anche perché non ho alternative).

Era faticoso, fino a quando non ho capito che in verità era la storia stessa a non convincermi. La griglia mi è servita molto, perché mi ha permesso di rivoluzionare la narrazione la al fine di farla più sentita, prima che fosse troppo tardi. Scelta una nuova trama soddisfacente mi sono stupita della facilità con la quale ho risolto il compito.
Devo ammettere che all'inizio non ci credevo molto, ma i tuoi metodi si sono rivelati veramente efficaci...

La parte difficile è avere i primi 8 eventi. Io quelli li avevo già, ne avevo anche di più. In questa fase ho solo connesso e ho reso un po' più coerenti i personaggi, che erano un po' fumosi nella mia mente. Non sono stata fiscale coi tre eventi per spicchio. A volte sono 2, perché mancava un macroevento nella griglia del giorno prima.
Alla fine sono arrivata a 26 eventi, ma non tutti mi richiederanno 6 pagine. Molti di piú, molti di meno.
E ho lasciato il finale aperto.
E mi sento che la storia cambierà molto per strada. Perché ogni volta che la guardo spuntano cose che non conoscevo, e bisogna riaggiustarne altre.

Mi chiedevo se potevo usare questo metodo anche se ho intenzione di scrivere tre storie, che affrontano la stessa tematica su aspetti e vicende differenti, riunendole tutte nello stesso libro.
Tu che ne dici? Mi puoi dare qualche consiglio?
Grazie mille

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.