Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Lo stile letterario guardingo

Cagionevole è il pensiero di colui il quale crede di avere uno stile nella scrittura, fiero magari di poterlo ostentare. Quanti possono parlare dinnanzi alla materia letteraria con un definito spessore stilistico? Cercarne uno proprio equivale ad avere di continuo nostalgia di se stessi: non è mai un arrivo, bensì sempre una partenza, verso nuovi ponti, nuovi mari, nuove terre.
È un cammino solitario. Osservare lo stile evolvere è in sostanza osservare se medesimi.

“Non basta che lo scrittore sia padrone del proprio stile. Bisogna che il suo stile sia padrone delle cose: e in ciò consiste la perfezion dell’arte, e la somma qualità dell’artefice”.
[“Zibaldone” di Leopardi]

La convinzione di possedere uno stile rappresenta un messaggio di pigrizia spirituale, più che intellettuale. Un abbandonarsi a convenienze, piaceri, consensi, vanità. Chi scrive deve o dovrebbe respingere con orrore la convinzione di giacere su un prato fiorito di stile, persuaso che molto è ancora il lavoro da fare, che lunga è ancora la via del miglioramento.
Uno stile si cerca, non si ha. Uno stile si teme, non si vanta. Uno stile non è un nostro prodotto, ma equivale a noi stessi: esso parla di noi come se fosse noi.

Meno 4 giorni all’inizio della sfida estiva: scrivere un romanzo in 100 giorni.
Nessun voto finora
Tag:

Commenti

Vero. Però certe volte è fantastico - e forse, ad un livello molto intimo, anche rassicurante - riconoscere 'la voce' di uno scrittore. Certo, vale solo per i pesi massimi però. Che ne pensi?

Un salutone,
Giorgio

Giorgio, non intendo certo negare uno stile proprio d'uno scrittore, mi pare però che ci siano troppi convinti di averne uno, che, ovviamente, è sempre peculiare e più fascinoso di quello degli altri.
Ciò che tu definisci la "voce" dello scrittore è assolutamente così.
Saluti e grazie per il commento.

Sì, hai ragione, in troppi sono convinti che la 'propria cosa' è sempre migliore di quella degli altri (e se gli altri non la pensano così è perché non sono abbastanza sensibili, abbastanza intelligenti, abbastanza...).

Grazie per la risposta,
G.

notevole, ben scritto,come l'argomento esigeva. grazie del servizio che dai.

ma vaffa

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.