Case editrici a pagamento

Premio Nobel Letteratura

Premio Campiello 2015

Alla scoperta di Haruki Murakami

Le ultime dal blog...

  • Autore: La Redazione
    Mar, 28/07/2015 - 11:30

    Mondadori New Concept Store, la libreria che vi fa vivere un'incredibile esperienza sensorialeInaugurato l’11 giugno di quest’anno, il nuovo Mondadori Megastore di via San Pietro all’Orto a Milano si prefigge l’ambizioso compito di trasformare l’acquisto del libro in un’esperienza più ricca e diversificata, puntando su un innovativo concept di arredo e su una diversa formula di offerta.

    «Sviluppo dell’offerta, esperienza di acquisto, valorizzazione del prodotto, servizi, comfort dell’ambiente» rappresentano, secondo Mario Maiocchi, amministratore delegato di Mondadori Retail, i punti di forza di questo processo di innovazione della libreria tradizionale.

    Con una superficie totale di...

  • Autore: Valentina Malcotti
    Mar, 28/07/2015 - 10:30

    Case editrici per uno scrittore esordiente – Fabbri EditoriQuella della Fabbri Editori è una storia di primati editoriali che hanno toccato il Paese intero. Per intenderci, sono quelli di «A mille ce n'è, nel mio cuore di fiabe da narrar»: Le fiabe sonore, la mitica collana con cui sono cresciute almeno quattro generazioni di italiani.

    Nata in pieno boom del secondo dopoguerra per mano di tre fratelli originari di Forlì (Giovanni, Dino e Rino), la Fratelli Fabbri Editori è nota per aver rivoluzionato il settore delle enciclopedie illustrate e dei canali di distribuzione; tanto che all'Università di Yale si è studiato per anni il modello di vendita di questa casa editrice.

    A partire dalla fine degli anni Cinquanta, Fabbri Editori portò in edicola la sua enciclopedia illustrata per ragazzi, Conoscere. L’enciclopedia veniva venduta a fascicoli...

  • Autore: Francesco Forestiero
    Mar, 28/07/2015 - 09:30

    “Voci partigiane”, echi della Resistenza italianaAbbiamo scambiato quattro chiacchiere con Simona Teodori, autrice del libro Voci partigiane (Edizioni della Sera), una raccolta di quattro racconti con un tempo e un’ambientazione comune: la Resistenza.

    Cominciamo con una frase che ci ha colpito: «Vi assicuro che tutto è vero anche se è fantasia»…

    È una frase scritta da Teresa Vergalli, staffetta partigiana e scrittrice, che ha curato la prefazione del libro: ha significato molto per me sentirle pronunciare queste parole. Lei scrive anche: «mi è sembrato di rivivere tutto: freddo, nevischio, sentieri, ombre, prudenza e rischi. Personaggi veri». Dopo aver letto Voci partigiane ha sottolineato nella sua introduzione sia la veridicità dei fatti – cui ho voluto attenermi scrupolosamente – sia la fedeltà...

  • Autore: Monica Raffaele Addamo
    Lun, 27/07/2015 - 11:30

    “Piccola dea” di Rufi Thorpe, storia di due amichePiccola dea di Rufi Thorpe (Sonzogno 2015, traduzione di Cristina Vezzaro) racconta di un’amicizia nata tra due ragazzine e messa alla prova dal tempo, dai cambiamenti nel carattere e nella vita di ciascuna delle due protagoniste. Per la precisione, il romanzo offre un punto di vista su un’amicizia, il punto di vista di Mia, che è l’io narrante della storia e ci svela tutto del suo rapporto con la coetanea Lorrie Ann. Il suo racconto le offre però anche il pretesto per discutere una serie di problemi, che riguardano soprattutto la vita delle donne e la maternità.

    Mia e Lorrie Ann sono amiche sin da piccole. Appartengono a due famiglie squattrinate e questo di sicuro le unisce, ma è l’unica cosa che hanno in comune, stando a Mia. Se la bionda Lorrie Ann è di una bontà e bellezza angeliche, Mia si descrive bruna, sexy, cinica e decisa a prendersi quello che la vita sembrerebbe volerle negare, ossia istruzione, successo, felicità e...

  • Autore: Leonardo Palmisano
    Lun, 27/07/2015 - 10:30

    Emigranti e immigrati, c’è un rapporto?Torna attuale una domanda: c’è un rapporto tra emigranti e immigrati? A differenza di quello che pensano molti italiani, prede della rabbia contro l’inefficienza dello Stato e della politica, non c’è un rapporto strettissimo tra emigrazione ed immigrazione, perché la prima risponde a un’esigenza di innalzamento della qualità della vita e la seconda a una certa domanda di lavoro non soddisfatta in Italia. Non è quindi possibile mettere sullo stesso piano un laureato italiano emigrante con un immigrato sudanese che raccoglie pomodori a Nardò: perché il primo non farà mai il bracciante, il secondo non toglie lavoro al primo.

    Detto questo, il fenomeno dell’emigrazione dall’Italia verso l’estero è in aumento perché la crisi ha inevitabilmente massacrato il mercato del lavoro per i più qualificati e il sistema di welfare per i precari. Noi viviamo in un Paese che ha smantellato il welfare pubblico, che ha tagliato gli investimenti nei trasporti, ha indebolito il sistema scolastico e universitario, mentre sosteneva un’impresa che ha abbassato la qualità e la quantità della...

  • Autore: Daniele Duso
    Lun, 27/07/2015 - 09:30

    Ecco come difendersi dalle bufale in reteCome difendersi dalle bufale in rete? Ecco alcuni consigli per individuarle, smascherarle e magari evitare di alimentarle. Perché se in passato queste storielle si diffondevano col passaparola, i cui tempi sono relativamente lenti, ora, con la rete, e soprattutto con l’avvento dei social, la loro diffusione è pressoché istantanea. E una falsità ben costruita, anche grazie all’involontaria complicità di un vostro “like”, può causare danni ben più gravi di quel che si immagini.

    L’ultimo esempio in ordine di tempo è stata la notizia, falsa, della tassa sui condizionatori. In una delle estati più calde di sempre la notizia di una nuova tassa sugli impianti di condizionamento ha scatenato preoccupazioni infondate, assieme all’ira (altrettanto infondata) dei più creduloni. E pazienza se la notizia era proprio sbagliata; pazienza se non si tratta di una tassa ma del costo della revisione (obbligatoria) per gli impianti industriali, di grande portata; pazienza se bastava cercare un po’ nella rete per capire l’inghippo. Ci sono cascati in pieno non solo blogger e redattori di...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.