Il diario di Anne Frank: chi è il vero autore?

Le misteriose scomparse nell'editoria di Hong Kong

Intervista a Suzanne Nossel, direttrice esecutiva dei PEN American Awards

Il velo come una guerra d'immagini?

Le ultime dal blog...

  • Autore: La Redazione
    Mer, 10/02/2016 - 12:30

    Sconti in libreria? Porta una pistolaNoi tutti, amanti di libri e lettori incalliti, siamo alla costante ricerca di sconti in libreria per poter acquistare quanti più libri possibili cercando di tenere sotto controllo il nostro budget.

    Una cosa è certa, però: mai avremmo pensato di portare con noi una pistola per avere uno sconto del 10% da una qualunque libreria. Cioè, magari qualche bibliofilo avrà pensato a una rapina, ma saremmo nell’illegalità, mentre nel caso di cui stiamo per parlarvi è tutto legale.

    Siamo, manco a dirlo, in America, precisamente in Texas, dove la libreria Brave New Books sta offrendo il 10% di sconto per acquistare qualsiasi “prodotto da leggere” (che sia un libro, una rivista, o altro) a chiunque entri nel suo negozio con una pistola posseduta legalmente e portata senza nasconderla in nessun modo.

    Dicevamo che l’iniziativa è perfettamente legale in Texas, dal momento che consegue...

  • Autore: Irma Loredana Galgano
    Mer, 10/02/2016 - 11:30

    Il maxiprocesso di Palermo ha davvero messo in ginocchio la mafia? Intervista ad Antonio CalabròTra il 1979 e il 1986, nella città di Palermo, lo scontro tra clan mafiosi causa 1000 morti. 500 vittime sulla strada e 500 persone rapite o scomparse. Nel mirino anche politici, poliziotti, carabinieri, magistrati, giornalisti, medici, imprenditori... e dietro ad alcuni omicidi la paura, il sospetto, l'ombra di un coinvolgimento delle istituzioni.

    «A Belén, in Brasile, davanti alla tv nella saletta dell'hotel Regent, don Tano Badalamenti e Masino Buscetta ascoltano le notizie. E Badalamenti, subito: Qualche uomo politico s'è sbarazzato, servendosi della mafia, della presenza del generale (Carlo Alberto Dalla Chiesa, ndr). Lo hanno mandato in Sicilia per sbarazzarsi di lui. Non aveva fatto ancora niente in Sicilia che poteva giustificare tutto questo odio contro di lui».

    ...
  • Autore: Enza A. Moscaritolo
    Mer, 10/02/2016 - 10:30

    Premio Letterario Nazionale Nicola Zingarelli, al via l’edizione 2016Torna anche quest’anno il Premio Letterario Nazionale Nicola Zingarelli, scegliendo come tema per questa VIII edizione “Parole e Natura”. Obiettivo del concorso pugliese, che sta ampliando lentamente la propria ribalta, e che scade il prossimo 15 febbraio, è cercare «il linguaggio della comunicazione per raccontare le bellezze della natura». Ovvero, «vivere e far vivere la cultura in un brodo pregno di scrittura», come affermano gli organizzatori.

     

    A chi è dedicato il Premio?

    Sotto la direzione artistica dello scrittore e docente Tommy Dibari, e con la presidenza di Antonio Daddario, il premio punta a rinverdire il valore e la fama del celebre filologo e dantista nato a Cerignola (Fg) nel 1860, Nicola Zingarelli: tutti certamente...

  • Autore: Gerardo Perrotta
    Mer, 10/02/2016 - 09:30

    Le foibe e l’Esodo, una pulizia etnica contro gli italiani?Il 10 febbraio del 1947, con i Trattati di Parigi, l’Istria e gran parte della Venezia Giulia furono ceduti dall’Italia alla Jugoslavia. Dal 2004, il 10 febbraio in Italia si celebra il Giorno del ricordo per rinnovare «la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale».

    E proprio di questi temi abbiamo parlato con Raoul Pupo, docente di Storia Contemporanea all'Università di Trieste e tra i più importanti studiosi delle foibe e dell'Esodo giuliano-dalmata.

     

    Lei definisce l’Esodo giuliano-dalmata come la «cancellazione pressoché integrale di un gruppo nazionale», accompagnata da un’opera di negazione e rimozione della precedente impronta italiana. Possiamo provare a sintetizzare le cause di quest’azione e le relative...

  • Autore: Sara Minervini
    Mar, 09/02/2016 - 12:30

    Chi sono gli ultimi ragazzi del secolo? Ce lo racconta Alessandro BertanteVivere per non dimenticare. Scrivere per testimoniare. Leggere per ricordare. Si può sintetizzare in questo modo l’intima essenza de Gli ultimi ragazzi del secolo di Alessandro Bertante, romanzo uscito lo scorso 20 gennaio per Giunti e che narra del viaggio intrapreso dall’autore nell’estate del 1996 nei Balcani ancora feriti dalla guerra.

    I personaggi che il narratore incontra sono sopravvissuti, non solo in quanto scampati a un destino altro, piuttosto perché condannati a vivere senza poter mai dimenticare l’orrore cui hanno assistito. La stessa sensazione che grava su chi, attraverso il potere della scrittura, sente il dovere di testimoniare per mantenere viva la memoria, una memoria che, a sua volta, è un diritto, soprattutto per chi, in quegli anni, ancora non era consapevole di convivere con una guerra che si combatteva praticamente fuori la porta...

  • Autore: Annamaria Trevale
    Mar, 09/02/2016 - 11:30

    “La vita nana” di Enrico Dal Buono, divertirsi a riscrivere la storiaLa vita nana (Baldini e Castoldi, 2015), rivisitazione della storia recente dal punto di vista dei nani, è il primo romanzo di Enrico Dal Buono, scrittore e giornalista ferrarese, nonché docente di scrittura creativa diplomato alla Scuola Holden.

    Apprendiamo fin dalle prime pagine, infatti, che il 7 settembre 1812 Napoleone non era solo a comandare le truppe nella battaglia di Borodinò. E non era solo neanche nel giorno della sua incoronazione. E nemmeno durante la battaglia di Jena. Ad assisterlo e a consigliarlo durante ogni momento della propria epopea ha avuto al fianco Orestino, emissario della genia dei nani presso il glorioso condottiero: senza di lui la Storia non sarebbe stata la stessa.

    Fu invece Robertuccio a fomentare Hitler nel suo delirio d’onnipotenza,...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.