Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Le ultime dal blog...

  • Autore: Linda Mazzeo
    Mer, 23/05/2018 - 14:30

    E se gli uomini chiudessero Dio nel Terzo Tempio?Tra le mura ristrette di un’angusta prigione, il principe Yehonatan, figlio del re d’Israele, prigioniero dei nemici arabi, redige le sue ultime memorie. Con profonda sofferenza e amaro rimpianto narra degli ultimi giorni del regno di Giuda prima dello sfacelo. Yehonatan è un uomo che avverte la propria fine imminente e che pertanto ha fretta d’imprimere su carta la propria testimonianza, in quanto unico sopravvissuto alla distruzione del Terzo Tempio di Gerusalemme. «Io, Yehonatan, figlio minore di Yehoar, Re e Sommo Sacerdote di Gerusalemme, scrivo queste note […] per i miei fratelli ebrei. È a loro che devo rendere conto». Si apre così Il Terzo Tempio, ultimo libro di Ishai Sarid (traduzione italiana di Alessandra Shomroni, Edizione Giuntina), con un incipit che getta uno sguardo a una...

  • Autore: Gerardo Perrotta
    Mer, 23/05/2018 - 12:30

    Dal Veneto a New York, storia di un’italiana in AmericaLa storia di Annalisa Menin ricorda, almeno nella prima parte, quella di molti ragazzi italiani che per lavoro abbandonano il nostro Paese e si trasferiscono all’estero. Annalisa ha scelto New York, dove tuttora vive e lavora. Qui ha incontrato Marco, l’uomo che poi ha sposato e che l’ha accompagnata per un tratto di vita, fino a quando non èrimasta vedova a soli trent’anni. Da qui Annalisa ha dato vita a una serie di iniziative, un blog (Il mio ultimo anno a New York), l’associazione Remembering Marco che eroga borse di studio per consentire a giovani italiani di fare un’esperienza di lavoro a New York e un romanzo, scritto insieme a Susanna De Cecchi, che porta come titolo lo stesso nome del blog.

    In occasione del soggiorno in Italia per la presentazione del libro, abbiamo posto qualche domanda ad Annalisa Menin.

     

    Da un paesino del Veneto a New York. In situazioni simili molti riferiscono di essersi sentiti spaesati inizialmente, senza radici quasi. Quali sono state le sue prime...

  • Autore: Virginia Addazii
    Mer, 23/05/2018 - 11:39

    La forza delle donne ne “La bellezza rubata” di Laurie Lico AlbaneseIl fascino dell’arte di Gustav Klimt e l’enorme ingiustizia perpetrata dai più grandi criminali che l’umanità abbia mai conosciuto convivono nel romanzo La bellezza rubata di Laurie Lico Albanese pubblicato da Einaudi con la traduzione di Maria Baiocchi.

    La bellezza rubata ruota intorno alla figura di Adele Bloch-Bauer e al famoso ritratto che Klimt dipinse per lei. Ma c’è un altro quadro grazie al quale nasce l’interesse dell’autrice per la vita di Adele ed è quello che la scrittrice definisce «un modesto ritratto a olio della mia bisnonna ungherese». Laurie Lico Albanese scopre in giovane età che le sue origini italo-americane sono in realtà solo parte del suo corredo genetico. Nella sua famiglia vi è infatti una bisnonna ebrea rinnegata e che abbandonò la vita alto-borghese per inseguire l’amore. L’ebraismo – spiega l’autrice – insieme a tutto il suo passato fu...

  • Autore: La Redazione
    Mer, 23/05/2018 - 10:30

    Come avvicinare i ragazzi all’arte. Perché non provare con un graphic novel?Avvicinare i ragazzi all’arte non è cosa semplice, e per alcuni si tratta spesso di fatica sprecata. Ma siamo sicuri che le cose stiano realmente così?

     

    E se invece stessimo semplicemente sbagliando approccio? Perché non provare a usare l’arte per raccontare l’arte, cioè perché non adottare soluzioni artistiche intese non solo come riproduzioni delle opere di artisti ma come racconto per immagini della vita di artisti famosi.

     

    Vuoiconoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

     

    È quello che fa Fabrizio Dori, sceneggiatore e illustratore del graphic novel Gauguin. L’altro mondo, edito da Tunué.

    ...

  • Autore: Stefano Clerici
    Mer, 23/05/2018 - 09:30

    “Ripley Bogle” di Robert McLiam Wilson, una storia di emarginazione, tra violenze e menzogneRobert McLiam Wilson, nato a Belfast nel 1964, è un grande narratore di vicende di disperata emarginazione e disagio esistenziale.

    In Italia i suoi libri vennero pubblicati da Garzanti tra i Novanta e i primi Duemila: negli ultimi anni Fazi li ha riproposti e in queste settimane primaverili torna in libreria, con la traduzione di Enrico Palandri (quest’anno finalista al Premio Narrativa Bergamo con L’inventore di se stesso) Ripley Bogle, opera prima dello scrittore nordirlandese.

    Un giovane uomo, tra i ventuno e i ventidue anni – più per un’istintuale predisposizione all’abisso che per le ottocentesche meccaniche dei determinismi – vive da barbone vagabondando per le strade, le stazioni e i parchi...

  • Autore: Gerardo Perrotta
    Mer, 23/05/2018 - 06:37

    Morto Philip Roth. Ecco perché non leggeva più romanziLa notizia lascerà tutti senza parole, ne siamo convinti: è morto lo scrittore Philip Roth.

     

    L'autore di libri come Pastorale americana, Ho sposato un comunista e La macchia umana, vincitore, tra gli altri, del National Book Awards, del Premio Pulitzer e del PEN/Faulkner Award si è spento all'età di 85 anni, secondo quanto riportato dal «New York Times».

     

    Qui di seguito un video in cui racconta cos'è la lettura per lui e sul perché aveva smesso di leggere romanzi.

    Le ultime dal blog...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.