I 20 consigli di scrittura di Stephen King

"Il maestro delle ombre", l'inquietante Roma al buio di Donato Carrisi

Le 14 caratteristiche del fascismo secondo Umberto Eco

Come migliorare la tua scrittura – 7 consigli utili

Le ultime dal blog...

  • Autore: La Redazione
    Mar, 24/01/2017 - 09:30

    Come scrivere un romanzo anche se senti di odiarloCapita spesso che uno scrittore si trovi a scrivere un romanzo ma di provare un sentimento di odio, di rigetto, nei suoi confronti.

    Quando si è alle prese con un nuovo libro infatti non è sempre facile amarlo in ogni fase di scrittura, e forse sono più frequenti i momenti in cui ci si sente sfiduciati. Anzi possiamo quasi affermare che ogni volta che scrivi un romanzo, finirai con l’odiarlo.

    Sì, proprio così! Potresti finire con l’essere il tuo peggior nemico se permetti alle emozioni di avere la meglio su di te. Quando scrivi, quando stai lavorando a un romanzo, ti capiterà d’imbatterti in una di queste due emozioni:

    • Lo amo, è il miglior libro che abbia mai scritto.
    • Lo odio, non sarò mai in grado di finirlo. Sarebbe meglio cancellarlo dal mio computer.

     

    ...

  • Autore: La Redazione
    Lun, 23/01/2017 - 12:30

    I 10 libri di saggistica più venduti della settimanaVi presentiamo i 10 libri di saggistica più venduti nella settimana dal 9 al 15 gennaio 2017.

     

    La classifica è proposta da iBuk e riprende i dati elaborati dal Servizio Classifiche di Arianna sulla base di 1.600 librerie aderenti e diffuse sull’intero territorio nazionale.

     

    Il podio di questa settimana è occupato da Laterza, Paoline Editoriale Libri e Garzanti. Mondadori è presente in top 10 con tre libri, seguita da Paoline Editoriale Libri, Laterza e Rizzoli con due titoli.

     

    10. Il dono della vocazione presbiterale. Ratio fundamentalis Institutionis Sacerdotalis di Congregazione per il clero (Paoline Editoriale Libri)

    ...

  • Autore: Pierfrancesco Matarazzo
    Lun, 23/01/2017 - 11:30

    L’arte di essere fragili di Alessandro D’Avenia e il rapimento di Giacomo LeopardiGiacomo Leopardi per me è sempre stato uno strumento musicale. Un violino per l’esattezza. Di quelli che sanno condensare una sensazione in pochi movimenti perfetti, capaci di fermarsi per sottolineare nel più inatteso dei modi un silenzio e poi ripartire. Precisi e sinceri, a trivellare l’animo di chi è in ascolto alla ricerca di una fragilità da far germogliare in domanda.

    Anch’io, come Alessandro D’Avenia racconta al lettore nel suo L’arte di essere fragili (Mondadori), ho scoperto Leopardi grazie a un insegnante e alla sua mente illuminata, sebbene non l’abbia trovato in classe. Nella mia stanza di adolescente, seduto alla scrivania, avevo di fronte l’antologia di letteratura italiana e torturavo le orecchie che avevo indebitamente procurato all’innocente libro. Sognavo un tornado salvifico che mi proiettasse in un universo parallelo in cui non mi sentissi il più sbagliato degli esseri viventi. Poi qualcuno mi poggiò la mano sulla spalla e mi...

  • Autore: La Redazione
    Lun, 23/01/2017 - 10:30

    Anna Todd, una chiacchierata la scrittrice-lettrice web che ha incantato l’America e non soloAfter e quel successo inaspettato a partire da una semplice app; poi il presente con la nuova serie e una scrittura più matura: uno sguardo a trecentosessanta gradi.

    Anna Todd è una giovane scrittrice americana, che sta vivendo un sogno ed è talmente tanto fantastico questo sogno da non voler aprire gli occhi. Lo ammette lei stessa, quando all’incontro fra blogger a cui abbiamo partecipato qualche giorno fa, ha descritto così la sua emozione alla notizia che la Paramount Pictures avesse deciso di comprare i diritti cinematografici dei suoi libri per dar vita a un film: «È stata una notizia stravolgente. È una cosa che mi ha stupita. Sono eccitata ed emozionatissima nel vedere che il mio libro finirà sul grande schermo. È una follia positiva. Probabilmente non ho ancora capito cosa mi sta succedendo e ancora non ho messo i piedi per terra da questa nuvoletta dove mi trovo».

    ...

  • Autore: Leonardo Palmisano
    Lun, 23/01/2017 - 09:30

    L’era di Trump e la sconfitta del buonismoL’era di Trump ha inizio prima dell’inauguration day. Quando, a metà del suo secondo mandato, Obama perde la maggioranza al Congresso e le sue politiche interne cominciano a capitolare sotto i colpi dell’opinione pubblica repubblicana e di sinistra. I democratici hanno perso perché il loro elettorato è dentro una logica di strenua conservazione di un’idea che, duole dirlo, stona con le opposte tendenze della contemporaneità.

    Trump incarna la reazione di destra al vuoto ideologico lasciato dai democratici di tutto il mondo, se ne fa alfiere e vince arrivando a governare gli Usa. Sanders, al contrario, incarna, nonostante la sconfitta, una possibilità di uscita a sinistra dal medesimo vuoto. In quel vuoto, che è un gorgo risucchiante, è cascata la candidatura della Clinton, del tutto inadeguata a farsi interprete del malcontento del popolo statunitense.

     

    LEGGI ANCHE – E se Trump avesse già vinto?

     

    ...
  • Autore: Lavinia Palmas
    Sab, 21/01/2017 - 11:30

    La serenità d'animo è contagiosa. Intervista a RenoirOttimismo, gioia di vivere e pacatezza. Sono queste le principali qualità di Pierre-Auguste Renoir. Conosciuto come uno dei padri fondadori dell'Impressionismo, Renoir seppe rivoluzionare il gusto artistico della seconda metà del XIX secolo: colori accesi e sgargianti per rappresentare scene di vita quotidiana, ma sempre caratterizzate da allegria e convivialità.

    Nonostante la forte crisi economica che caratterizzò la sua carriera professionale (non riusciva nemmeno a pagare gli strumenti del mestiere) e nonostante la malattia invalidante e degenerativa, l'artrite reumatoide, che gli provocava non poca sofferenza, non si stancò mai di perseguire il suo sogno di diventare pittore. Ci riuscì grazie a un innato talento, al forte entusiasmo, al contagioso senso dell'umorismo che gli faceva percepire la vita più leggera di quella che poteva apparire.

    È sufficiente ammirare una sua opera per capire come l'arte possa essere una medicina per gli occhi e basta leggere le sue risposte a quest’intervista per trovare la conferma di come gli artisti...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.