Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Le ultime dal blog...

  • Autore: La Redazione
    Mer, 18/10/2017 - 12:30

    10 consigli di lettura di Jo NesbøProprio mentre il suo L’uomo di neve spopola al cinema grazie al film diretto da Tomas Alfredson, Jo Nesbø ha rilasciato al sito Onegrandbooks.com la sua lista di dieci consigli di lettura.

    Eccoli:

    1. Macbeth di William Shakespeare

    «Quando il mio editore mi ha chiesto di scrivere un romanzo nella loro nuova serie di romanzi basati sulle opere di Shakespeare, ho accettato a patto che mi fosse affidato Macbeth. Perché? Perché è sanguinario. E breve. E abbastanza buono. Non so se è stato a causa di questa risposta, ma mi hanno assegnato Macbeth».

    ***

    2. Fame di Knut Hamsun

    «Era, e ancora è, il massimo esempio di romanzo bohémien. Ti sembra di ritornare giovane quando senti che Hamusn, Dostoevskij ed Hemingway parlano a te e solo a te».

     

    ...
  • Autore: Lavinia Palmas
    Mer, 18/10/2017 - 11:30

    In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provettoMolti personaggi celebri ci hanno lasciato testimonianze sulle loro abitudini culinarie, tramandandoci qualche ricetta. Abbiamo imparato a preparare il budino al limone di Silvia Path, la torta Anke di Tolstoj, le cipolle caramellate di van Gogh, che abbiamo avuto il piacere di intervistare o la sangria di Pablo Picasso che abbiamo sorseggiato durante il nostro incontro.

    Giungono dal Quattrocento però i consigli più curiosi da seguire in cucina, scritti da una delle figure più emblematiche del tempo. Dichiarò infatti:...

  • Autore: La Redazione
    Mer, 18/10/2017 - 10:30

    Luigi Pirandello e il suo cuore di cenere. Il ricordo di Corrado AlvaroNon si può definire con certezza che quella tra Luigi Pirandello e Corrado Alvaro sia stata una vera e propria amicizia. I due comunque si frequentarono con una certa assiduità al punto da costruire un rapporto fondato su una confidenza reciproca, almeno stando a quanto racconta Corrado Alvaro nel suo «Quasi una vita», il diario edito da Bompiani e che gli valse il Premio Strega nel 1951.

    In alcuni inserti del diario, nel periodo che va dal 1928 1934, Alvaro riporta notizie di alcuni incontri e scambi intercorsi con Luigi Pirandello mentre, dopo la morte del Premio Nobel, Alvaro rievocherà la sua figura in altri due inserti ugualmente interessanti e intensi.

    La prima volta che lo scrittore abruzzese menziona Pirandello è per ricordare il loro incontro a Berlino nel 1928, e qui offre anche un ritratto molto...

  • Autore: La Redazione
    Mer, 18/10/2017 - 09:30

    Perché si dice andare a monte?“Andare a monte” è espressione molto comune nella lingua italiana, ma perché si dice proprio in questo modo?

    Cominciamo col chiarire il suo significato per evitare usi ambigui o del tutto errati dell’espressione. Secondo il dizionario Treccani, «le frasi andare a monte, mandare a monte la partita» indicano l’azione di «interrompere la partita, annullando i punti già segnati in seguito a errore intervenuto o per altra ragione». E proseguendo sulla falsariga di questo significato, Treccani indica anche che in senso figurato l’espressione può significare «con riferimento a cosa progettata, andare o mandare a vuoto».

     

    Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

     

    Ma questo non ci aiuta a rispondere alla nostra domanda: perché si dice andare a monte per indicare il fallimento di un’iniziativa?

    Ci viene in aiuto il dizionario online del «...

  • Autore: La Redazione
    Mar, 17/10/2017 - 12:30

    “Il Milione” di Marco Polo in una versione illustrata per bambiniFar avvicinare i bambini alla lettura non è un’operazione facile e di certo è estremamente delicata perché si corre il rischio, scegliendo il libro o l’approccio sbagliati, di allontanarli per sempre da questo magnifico piacere.

    E allora perché non cominciare da quei libri che hanno già in sé un alto potere di affabulazione perché raccontano storie in grado di attrarre persino i bambini che, diciamocelo, sanno essere i più esigenti di tutti.

    In questo può venirci in aiuto Il Milione di Marco Polo, ovviamente non l’opera nella versione integrale perché, per quanto si tratti di un capolavoro, risulterebbe forse un po’ ostica per i bambini. Una versione opportunamente rivista nella parte testuale e arricchita di bellissime illustrazioni potrebbe senz’altro essere un valido strumento da questo punto di vista.

    Ed è forse per tale...

  • Autore: La Redazione
    Mar, 17/10/2017 - 11:30

    Loving Vincent, quando il cinema fa l’amore con l’arte[Articolo di Alice Zanfardino]

    Più di cento artisti, centoventicinque a esser precisi, hanno messo a disposizione le loro abilità per dare forza a un racconto vivente, un quadro che si muove e che a ogni scena rievoca e cita, in silenzio, le opere d’arte che hanno caratterizzato la vita di Vincent van Gogh (1853-1890).

    Nei suoi novantacinque minuti, Loving Vincent è ambientato nel 1891 in Francia, un anno dopo la morte del pittore e ripercorre le sue ultime settimane di vita tramite le persone a lui più vicine e il mistero della sua scomparsa a soli trentasette anni.

    Si passa per Parigi, Arles e Auvers sur Oise, dove è morto, si cita l’episodio dell’orecchio, come trascorreva le giornate, cosa amava fare e vengono presentati i personaggi...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.